Ricerca: trasformare miniere dismesse in "batterie gravitazionali"

Il mondo è pieno di miniere abbandonate. Ma possiamo farne buon uso, secondo i ricercatori.
Il mondo è pieno di miniere abbandonate. Ma possiamo farne buon uso, secondo i ricercatori.   -  Diritti d'autore  Canva
Di Charlotte Elton

"Fornirebbero la quantità sufficiente di energia per soddisfare il fabbisogno giornaliero di elettricità di tutto il mondo"

Le miniere sotterranee abbandonate potrebbero immagazzinare energia sufficiente per alimentare "l'intera terra" per un giorno, secondo quanto suggerisce una nuova ricerca.

Secondo gli scienziati dell'International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA),trasformare le miniere dismesse in vaste "batterie gravitazionali" potrebbe fornire fino a 70 terawatt di accumulo di energia. Una quantità sufficiente per soddisfare il fabbisogno giornaliero di elettricità di tutto il mondo.

"Per decarbonizzare l'economia, dobbiamo ripensare il sistema energetico sulla base di soluzioni innovative che utilizzino le risorse esistenti", spiega Behnam Zakeri, coautore dello studio e ricercatore del programma IIASA per l'energia, il clima e l'ambiente.

Come funzionano le batterie gravitazionali?

La maggior parte delle batterie che usiamo nella quotidianità immagazzina energia attraverso processi elettrochimici. Una particolare reazione chimica rilascia energia, che potrà quindi essere utilizzata.

Le batterie gravitazionali, d'altra parte, sono congegni meccanici.

Usano l'energia in eccesso prodotta dalle rinnovabili per sollevare un peso. Quando la rete sta esaurendo l'energia, il peso viene lasciato cadere, alimentando un generatore mentre precipita.

Esistono molte versioni diverse di questo tipo di batterie. Il più semplice - e il più antico - è una forma di orologio a pendolo alimentato dalla forza di gravità.

Il tipo più comune in uso oggi è l'energia idroelettrica di pompaggio. Prevede che l'acqua venga pompata a quote più elevate per immagazzinare energia e poi rilasciata attraverso turbine per generare elettricità. Questo metodo è molto comune e ha un valore di accumulo totale installato di 1,6 terawattora.

Il sistema di gravità proposto nelle miniere ha un potenziale di capacità energetica globale da sette a 70 TWh, affermano i ricercatori IAASA nell'articolo pubblicato su Energies.

Come funzionerebbe una batteria gravitazionale in una miniera?

Il modello Underground Gravity Energy Storage (Uges) proposto dai ricercatori IIASA utilizza ascensori esistenti per sollevare e abbassare contenitori pieni di sabbia.

Le miniere sono adatte a questo scopo: hanno infatti una profondità tale da poter essere usata per far cadere un peso. Le batterie gravitazionali richiedono almeno 300 metri di spazio di caduta per funzionare correttamente.

LEGGI ANCHE:

Costruire questi progetti potrebbe aiutare a generare entrate anche nelle comunità minerarie impoverite, sostengono i ricercatori.

“Quando una miniera chiude, licenzia migliaia di lavoratori. E questo devasta le comunità che dipendono solo dalla miniera per le loro entrate. "Le miniere dispongono già dell'infrastruttura di base e sono collegate alla rete elettrica, il che riduce significativamente i costi e facilita l'implementazione degli impianti UGES", concludono.

Notizie correlate