This content is not available in your region

Perché l'Europa si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo?

Perché l'Europa si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo?
Diritti d'autore  euronews   -  
Di Jeremy Wilks

Stando ai dati del Servizio sui cambiamenti climatici di Copernicus lo scorso ottobre è stato il più caldo mai registrato in Europa, con temperature di quasi due gradi superiori alla media 1991-2020. In Francia, Svizzera, Austria, Italia, Spagna e alcune regioni della Germania il clima è stato eccezionalmente caldo.

I dati di ottobre e fanno parte di una tendenza molto più ampia. L'Europa si sta riscaldando molto più velocemente del resto del pianeta. Per capire perché, siamo stati alla Cop27 di Sharm el-Sheikh, dove ne abbiamo parlato con Petteri Taalas, direttore generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale. Perché l'Europa si sta riscaldando così velocemente rispetto al resto del mondo?

Euronews
In Europa le temperature a ottobre sono state di due gradi superiori alla media 1991-2020Euronews

"In Europa abbiamo assistito a un riscaldamento più che doppio rispetto al resto del mondo - dice Taalas -. Questo a causa del riscaldamento dell'Artico, che ha un grande impatto sulla parte settentrionale dell'Europa. A livello globale, il mediterraneo è la seconda regione che si sta riscaldando più rapidamente. Nell'Artico lo scioglimento delle nevi e dei ghiacci contribuisce al riscaldamento. E nella regione mediterranea, il clima sta diventando sempre più secco, quindi non c'è abbastanza evaporazione per smorzare il riscaldamento in atto".

La sofferenza degli oceani

Il riscaldamento a cui stiamo assistendo sulla terraferma sarebbe ancora più rapido se non fosse per gli oceani. Si calcola che stiano assorbendo fino al 90% del calore in eccesso nell'atmosfera, intrappolato dai gas serra. Quale è stato l'impatto delle ondate di calore degli ultimi due anni sulle acque del Mediterraneo? "L'effetto principale delle ondate di calore marine è la mortalità massiccia di invertebrati e piante, molluschi, spugne e coralli - dice lo scienziato degli oceani Jean-Pierre Gattuso -. Tra la superficie e i 50 metri di profondità ci sono molti invertebrati e piante che vengono colpiti negativamente e che muoiono".

Le decisioni prese qui alla Cop27 avranno un impatto su fenomeni come l'acidificazione e le ondate di calore? "Questi negoziati sono ovviamente molti importanti - dice Gattuso -. Gli scenari prospettati dall'IPCC mostrano che se l'accordo di Parigi viene attuato rapidamente e completamente, possiamo stabilizzare le temperature e l'acidificazione degli oceani. Questo non significa che torneremo alla situazione precedente. Significa che possiamo fermare il riscaldamento e arrestare l'aumento dell'acidità".

Concentrazione di gas serra nell'atmosfera ai massimi storici

Alla Cop27 c'è la consapevolezza che la finestra per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e limitare il riscaldamento globale al di sotto dei due gradi Celsius si sta chiudendo. Al momento le concentrazioni di gas serra stanno aumentando o diminuendo? "Purtroppo la concentrazione di gas serra nell'atmosfera continua ad aumentare - dice Claire Fyson, esperta di emissioni di ClimateAnalytics -. Secondo una recente stima, quella di CO2 è di 416 parti per milione. È un valore superiore a quello dell'anno scorso, il più alto nella storia. È una tendenza preoccupante: se le emissioni di CO2 continuano ad aumentare, l'impatto del cambiamento climatico sarà sempre peggiore".

C'è la possibilità che le concentrazioni di gas serra nell'atmosfera si stabilizzino? "Dipende da quello che faremo nei prossimi 8-10 anni - dice Fyson -. Se riusciremo a ridurre le emissioni a zero, allora ci sarà un livellamento delle concentrazioni. L'aumento della temperatura si stabilizzerà e l'impatto del cambiamento climatico smetterà di peggiorare. Stando a recenti valutazioni in realtà ci dirigiamo verso un riscaldamento compreso tra i 2,4 e i 2,8 gradi. Non è quello che vogliamo".

Anche con una rapida riduzione delle emissioni nei prossimi decenni, alcuni effetti del cambiamento climatico continueranno per secoli. Tra questi, l'innalzamento del livello del mare e lo scioglimento della criosfera.