I cocktail analcolici sono diventati cool: qualche ricetta sobria per la primavera

Image
Image Diritti d'autore Doug DeFelice/LIV Golf/AP
Di Amber Louise Bryce
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un tempo considerati "da bambini", i mocktail si sono evoluti per placare la sete di un'Europa sempre più sobria

PUBBLICITÀ

Non dite "mocktail" davanti a Dan Shell. Nonostante sia ambasciatore del marchio britannico Lyre's, una delle più grandi aziende di mocktail (ops) del mondo, il pluripremiato barman si vergogna ancora di questa parola: "È succosa, infantile, cattiva".

Shell preferisce invece chiamarli "analcolici".

"L'idea dei cocktail analcolici è quella di essere una bevanda adulta, adulta e analcolica, cosa che prima non esisteva", spiega a Euronews Cultura.

Dan Shell, award-winning bartender and brand ambassador for the non-alcoholic brand Lyre's
Dan Shell, award-winning bartender and brand ambassador for the non-alcoholic brand Lyre'sLyre's/Dan Shell

In effetti, la nuova ondata di cocktail analcolici ha avuto un'impennata che trasuda estro, sapore e classe. Dai malti dolci e affumicati allo spritz italiano dal sapore aspro, le aziende evocano gli spiriti dei liquori tradizionali per un'esperienza di consumo rinfrescante e familiare, ma senza postumi.

"Lyre's ha dei sostituti per tutte le diverse categorie, il che significa che posso fare tutte le vecchie bevande che ho fatto negli ultimi venti o trenta anni con o senza alcol, con un sapore altrettanto sorprendente", dice Shell.

Seedlip, pioniera dei "distillati analcolici", è stata fondata nel 2014 da Ben Branson ed è ampiamente considerata come l'azienda che ha dato il via al mercato dei sostituti di lusso dell'alcol.

Sempre più start-up stanno esplorando il mercato in modi sempre più innovativi, come la britannica Three Spirit, che sfrutta gli effetti di stimolazione cognitiva di piante specifiche.

"Volevamo creare un terzo modo di bere per le persone che amano ancora gli aspetti sociali e i rituali legati all'alcol", spiega la cofondatrice Tatiana Mercer. "Siamo qui per dimostrare alle persone che l'assenza di alcol non significa assenza di piacere, e vogliamo alimentare queste occasioni sociali con le piante".

Èbello non bere

A Sober Girl Society 'mixer' event
A Sober Girl Society 'mixer' eventMillie Gooch/Sober Girl Society

La rapida ascesa delle bevande analcoliche coincide con un calo del consumo di alcol in tutta Europa. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) tra il 2010 e il 2020 si è registrata una diminuzione di 0,5 litri.

Soprattutto i giovani, ora più consapevoli degli effetti negativi dell'alcol sul benessere fisico e mentale, stanno abbandonando i comportamenti alcolici delle generazioni passate. Uno studio di YouGov ha rilevato che il 44 per cento dei britannici di età compresa tra i 18 e i 24 anni sceglie alternative poco alcoliche o analcoliche.

"Oggi è socialmente accettabile - e persino cool - non bere, e la scelta di non farlo è dovuta ad alcune ragioni fondamentali", spiega Mercer.

"Storicamente, bere alcolici era un rito incontrastato di passaggio all'età adulta, considerato una componente essenziale delle relazioni interpersonali e del piacere. Man mano che gli individui si concentrano maggiormente su ciò che è giusto per loro, i sistemi culturali che ruotano attorno all'alcol vengono messi in discussione e perdono consistenza", continua Mercer.

"Siamo molto più consapevoli di ciò che mettiamo nel nostro corpo, che si tratti di cibo, di droghe o di alcol, persino di caffeina".

I recenti eventi socio-economici, tra cui la pandemia di Covid-19 e la conseguente crisi del costo della vita, hanno ulteriormente ridefinito il nostro rapporto con l'alcol, spingendoci a riflettere sui suoi costi, sia finanziari che personali.

"Una cosa che la gente tende a dimenticare dell'alcol è che amplifica l'umore, a prescindere da quale sia", dice Shell. "Se siete annoiati, magari depressi e un po' soli, bere vi renderà più annoiati, più depressi e più soli".

La pervasività dellacultura del bere, soprattutto in Paesi come il Regno Unito, può rendere difficile smettere o ridurre il consumo senza sentirsi socialmente alienati. Per combattere questa situazione, le persone si rivolgono a comunità e gruppi di supporto online, come la Sober girl society, con sede nel Regno Unito, fondata dalla 31enne Millie Gooch nel 2018. 

Millie Gooch, founder of Sober Girl Society
Millie Gooch, founder of Sober Girl SocietyMillie Gooch

"Mi sono sempre sentita così sola: come faccio a essere l'unica persona che si sveglia il giorno dopo aver bevuto e prova questa folle ansia da postumi? Ne parlavo con i miei amici e loro mi dicevano: 'Stai bene'", racconta Gooch.

"E poi quando ho fondato la Sober girl society mi sono resa conto che in realtà è una delle esperienze meno uniche del pianeta".

PUBBLICITÀ

La sua comunità, che ha più di duecentomila follower su Instagram e milioni di visualizzazioni su TikTok, attira soprattutto "ragazze festaiole che hanno esagerato e di conseguenza stanno lottando con la loro salute mentale", spiega Gooch.

Inoltre, nota un afflusso di membri sempre più giovani, alcuni dei quali non hanno mai provato l'alcol e sono stati scoraggiati dalle abitudini alcoliche dei loro genitori.

Fuori il vecchio stile

Per le comunità di sobri come quella di Millie, le repliche analcoliche di liquori, birre e vini permettono di godere dei rituali di socializzazione senza i loro effetti negativi.

"Mi ero abituato a bere solo la Diet Coke e poi, all'improvviso, sono nate queste incredibili bevande", dice Gooch, che pensa che possano essere utili anche per allontanare le persone dal consumo di alcolici veri e propri.

"È così difficile interrompere l'abitudine e con le bevande analcoliche si può quasi mantenere l'abitudine cambiando solo il contenuto del bicchiere".

PUBBLICITÀ

Per la maggior parte delle persone le opzioni analcoliche consentono la moderazione, l'inclusione e un migliore senso di autocontrollo durante le serate.

"È un flusso molto semplice che va e viene dall'alcol al non alcol. Per questo credo che la nostra gamma [Lyre's] funzioni così bene, perché si può essere seduti a bere un daiquiri con rum e poi un daiquiri analcolico, e sembra lo stesso", dice Shell.

"Anche se il fenomeno degli analcolici è cresciuto in modo esponenziale, credo che la gente sia ancora un po' nervosa all'idea di non bere", continua.

L'unica riserva di Gooch riguarda il modo in cui queste bevande potrebbero continuare a incoraggiare la cultura tossica del bere. "Se si beve una birra analcolica invece di un caffè, si rischia di radicare questa mentalità del bere in spazi e tempi in cui prima non c'era".

Le  cosenon potranno che migliorare

The no and low-alcohol market continues to grow in popularity as people seek out safer ways to socialise.
The no and low-alcohol market continues to grow in popularity as people seek out safer ways to socialise.Canva

Secondo un rapporto dell'Università di Sheffield, il mercato dei prodotti analcolici valeva 221 milioni di sterline (258 milioni di euro) nel 2021 e da allora ha continuato a crescere.

PUBBLICITÀ

Man mano che questi prodotti di alta qualità diventano più comuni in contesti tradizionalmente incentrati sull'alcol, è probabile che si assista a una riduzione dei prezzi e a una destigmatizzazione di coloro che non bevono, ispirando una maggiore innovazione da parte dell'industria.

"Si vedono già arrivare nuovi barman che sperimentano con gli analcolici e cercano di creare nuovi drink", dice Shell. "Penso che abbiamo visto la punta dell'iceberg e niente di più. Penso che le cose non potranno che migliorare".

La scoperta che, come droga, l'alcol non è poi così eccezionale, ha portato un numero crescente di persone a cercare forme alternative di evasione. Ciò lascia un enorme vuoto nel mercato perqualcosa che si collochi a metà strada tra l'alcol e l'astinenza: una bevanda che renda rilassati o eccitati senza la perdita del controllo emotivo e e il subentrare dell'ansia.

Shell li chiama "alcolici funzionali", che comprendono bevande come Three Spirit che infondono ingredienti di origine vegetale per indurreeffetti calmanti o nootropici (sostanze che migliorano la memoria e la concentrazione).

In prima linea nella ricerca sulle "alternative alcoliche più sicure" c'è il professor David Nutt, un neuropsicofarmacologo britannico (provate a dirlo dopo qualche analcolico) che ha sviluppato Sentia Spirits, una bevanda a base di erbe che agisce sui recettori Gaba del nostro cervello, imitando le capacità calmanti dell'alcol.

PUBBLICITÀ

In America, marchi come Cali Sober hanno isolato il Thc (Tetraidrocannabinolo), il composto chimico della cannabis che fa sentire le persone stordite. 

L'idea di potersi ubriacare o sballare senza effetti collaterali negativi è il sogno più grande, ma è realistico? In attesa di ulteriori ricerche, Shell rimane fiducioso, ma cauto.

"Quando beviamo un bicchiere di vino sappiamo che effetto avrà su di noi", dice Shell. "Cose come gli alcolici funzionali e il Sentia sono ancora una zona grigia".

Una cosa è certa: non vi sentirete mai peggio dopo aver bevuto un cocktail analcolico.

L'ambiente di un bar. Uno di quei piccoli tovaglioli. Il tintinnio e lo scricchiolio dei cubetti di ghiaccio. Il primo sorso di sapore, schiumoso contro le labbra. "È come se ci stessimo regalando qualcosa di speciale. Un piccolo piacere", dice Shell. "I placebo possono essere altrettanto sorprendenti".

PUBBLICITÀ

🍹Ricette sobrie di primavera 🍹

Il "Fallen Porn Star" di The Coconut Tree

The 'Fallen Porn Star' mocktail
The 'Fallen Porn Star' mocktailThe Coconut Tree

Pre-raffreddare un bicchiere con ghiaccio, quindi shakerare i seguenti ingredienti:

  • Sciroppo di ananas e cocco: 20 ml
  • Purea di frutto della passione: 20 ml
  • Succo di ananas: 40 ml
  • Caleño Dark and Spicy (o qualsiasi altro liquore analcolico): 40 ml
  • Aquafaba (o un albume d'uovo): 15 ml
  • Guarnire con mezzo frutto della passione

Gin Mule di Lyre

Aggiungere i seguenti ingredienti in un bicchiere highball, riempire di ghiaccio e mescolare:

  • Lyre's Dry London Spirit: 60 ml
  • Ginger ale premium: 90 ml
  • Succo di lime: 15 ml
  • Sciroppo di zucchero bianco: 7,5 ml
  • Guarnire con otto foglie di menta e uno spicchio di lime

Spritz Fierce di Three Spirit

PUBBLICITÀ
  • Three Spirit Livener: 50 ml
  • Succo di pompelmo rosa: 25 ml
  • Kombucha o limonata: 100 ml
  • Guarnire con una fetta di pompelmo

Negroni alla rosa di Lyre

  • Spritz italiano Lyre: 45 ml
  • Liquore secco di Londra: 15 ml
  • Apéritif Rosso Lyre: 30 ml
  • quattro lamponi freschi
  • Guarnire con uno spicchio di limone e un rametto di rosmarino
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Arabia Saudita apre il suo primo negozio di alcolici in più di 70 anni

Dry January: quali sono i Paesi europei che hanno ridotto il consumo di alcol?

Dry January, i benefici del gennaio senza alcol: la popolare sfida dopo le feste natalizie