Cinema: cavalierato a sorpresa per Nolan, Oppenheimer arriva finalmente in Giappone

Christopher Nolan e la moglie Emma Thomas
Christopher Nolan e la moglie Emma Thomas Diritti d'autore John Locher/Invision/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il registra britannico ha ricevuto a sorpresa l'onorificenza da parte del re Carlo. La pellicola vincitrice dell'Oscar è arrivata anche nelle sale in Giappone, dopo mesi di polemiche per il delicato tema di cui tratta

PUBBLICITÀ

Il regista britannico Christopher Nolan, che questo mese ha vinto l'Oscar per la miglior regia con Oppenheimer, riceverà un cavalierato. Sua moglie, la produttrice cinematografica Emma Thomas, riceverà una dama.

Il governo britannico ha dichiarato che la coppia è stata onorata per i servizi resi al cinema.

Il film sul padre della bomba atomica ha fatto incetta di premi alla cerimonia del 2024, aggiudicandosi sette statuette in totale, tra cui quello per il miglior film. Prima di Oppenheimer, Nolan aveva ricevuto cinque nomination agli Academy Awards, ma non aveva mai vinto un Oscar fino alla cerimonia di quest'anno.

La notizia di queste onorificenze è stata una sorpresa, perché di solito vengono assegnate due volte nel corso dell'anno: una volta per celebrare il nuovo anno e poi per il compleanno di Re Carlo III (14 novembre), che conferisce le onorificenze.

Tuttavia, a volte vengono assegnate in seguito a risultati speciali, spesso legati allo sport e alle arti, e Nolan ha tutte le carte in regola per esserlo, considerando i premi assegnati al film.

Le onorificenze vengono formalmente assegnate durante una cerimonia a Buckingham Palace, spesso dal monarca britannico in persona. Tuttavia, al momento il re non è impegnato in alcun incarico reale, perché si sta sottoponendo a un trattamento per il cancro.

La storia di Nolan e i successi ottenuti con la moglie

Nato nel 1970 a Londra da padre britannico e madre americana, Nolan ha studiato inglese all'University College London, scegliendo l'UCL per le sue strutture cinematografiche. È qui che ha incontrato la sua futura moglie nel 1997. Insieme hanno quattro figli e vivono a Los Angeles.

Nolan, 53 anni, e Thomas, 52 anni, hanno co-fondato la società di produzione Syncopy, che ha realizzato molti dei loro blockbuster. Hanno collaborato a tutti i suoi film più importanti, tra cui la trilogia del Cavaliere Oscuro, Inception del 2010, Interstellar del 2014, Dunkirk del 2017 e Tenet del 2020.

Quando Nolan è stato insignito della più alta onorificenza del British Film Institute, la BFI Fellowship, per essere "uno dei registi più innovativi e influenti del mondo", ha reso omaggio alla moglie.

"Mi è stato chiesto se in tutti questi anni di lotta per girare in pellicola, ti sei mai sentito solo nel farlo?", ha detto. "Ho potuto rispondere di no perché la mia produttrice Emma Thomas ha sempre visto le cose come le vedevo io in termini di importanza del mezzo".

Oppenheimer arriva nelle sale in Giappone

Oppenheimer, intanto, ha finalmente debuttato in Giappone, dove due città sono state cancellate 79 anni fa dalle armi nucleari inventate dallo scienziato americano.

La pellicola non descrive direttamente ciò che accadde sul campo quando le bombe furono sganciate su Hiroshima e Nagasaki, si concentra invece su Oppenheimer come persona e sui suoi conflitti interiori.

L'uscita del film in Giappone, più di otto mesi dopo il debutto negli Stati Uniti e in Europa, è stata guardata con trepidazione a causa della delicatezza del tema trattato.L'ex sindaco di Hiroshima Takashi Hiraoka, intervenuto a un evento di anteprima del film nella città sud-occidentale, è stato più critico su ciò che è stato omesso.

"Dal punto di vista di Hiroshima, l'orrore delle armi nucleari non è stato sufficientemente rappresentato", ha dichiarato il regista ai media giapponesi. "Il film è stato realizzato in modo da convalidare la conclusione che la bomba atomica è stata usata per salvare le vite degli americani".

Le polemiche per Barbenheimer in Giappone

L'anno scorso si è scatenato un putiferio per il fenomeno di marketing "Barbenheimer", che ha unito la Barbie rosa e divertente all'intenso Oppenheimer. La Warner Bros. Japan, che distribuisce Barbie nel Paese, si è scusata dopo che alcuni meme hanno raffigurato la bambola Mattel con immagini di esplosioni atomiche.

Da parte sua, Takashi Yamazaki, regista di Godzilla meno uno, che ha vinto l'Oscar per i migliori effetti visivi - e che a suo modo è una potente dichiarazione sulla catastrofe nucleare - ha suggerito che potrebbe essere l'uomo giusto per raccontare la risposta giapponese a Oppenheimer. "Sento che il Giappone deve dare una risposta a 'Oppenheimer'. Un giorno vorrei fare quel film", ha detto in un dialogo online con il regista britannico. Nolan si è detto molto d'accordo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il discorso di Jonathan Glazer agli Oscar era davvero "moralmente indifendibile"?

Oscar 2024: le celebrità meglio (e meno) vestite

Oscar 2024: Oppenheimer è il miglior film, Emma Stone miglior attrice, non ce la fa Garrone