Il discorso di Jonathan Glazer agli Oscar era davvero "moralmente indifendibile"?

Aumentano le condanne per il discorso "moralmente indifendibile" di Jonathan Glazer agli Oscar
Aumentano le condanne per il discorso "moralmente indifendibile" di Jonathan Glazer agli Oscar Diritti d'autore Jordan Strauss/Invision/AP
Diritti d'autore Jordan Strauss/Invision/AP
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Fondazione statunitense per i sopravvissuti all'Olocausto ha definito "moralmente indifendibile" il discorso di Jonathan Glazer agli Oscar. Il regista del dramma sull'Olocausto "La zona d'interesse" ha detto che le persone uccise sia in Israele che a Gaza sono state vittime di "disumanizzazione"

PUBBLICITÀ

Gli Oscar di quest'anno sono stati un evento relativamente tranquillo, con pochissime star e registi che hanno parlato direttamente dell'attuale conflitto in Medio Oriente su quello che è senza dubbio il più grande palcoscenico di Hollywood.

Prima della cerimonia diverse celebrità hanno espresso il loro punto di vista, ma, nel timore che parlarne potesse avere un impatto negativo sulle loro carriere, la maggior parte ha scelto il silenzio, cosa ancora più evidente se si considera che la serata di premiazione è iniziata con manifestanti che chiedevano un cessate il fuoco e bloccavano il traffico fuori dal Dolby Theatre.

La 96esima edizione degli Oscar ha visto alcune celebrità, tra cui Mark Ruffalo e Billie Eilish, indossare spille che chiedevano il cessate il fuoco, ma solo Jonathan Glazer, il regista del film sull'Olocausto La zona d'interesse, ha affrontato l'argomento nel suo discorso di rignraziamento.

Glazer è salito sul palco insieme al produttore James Wilson per accettare l'Oscar per il miglior film internazionale - la prima volta che la Gran Bretagna si aggiudica il premio - per il suo adattamento in lingua tedesca e polacca del romanzo di Martin Amis. Il film, presentato in anteprima l'anno scorso a Cannes e vincitore del Grand Prix, è incentrato sulla famiglia del comandante più anziano di Auschwitz, Rudolf Höss.

James Wilson, Leonard Blavatnik e Jonathan Glazer accettano il premio per "La zona di interesse".
James Wilson, Leonard Blavatnik e Jonathan Glazer accettano il premio per "La zona di interesse".Chris Pizzello/Invision/AP

Il regista, che è ebreo, ha detto che le persone uccise sia in Israele che a Gaza sono state vittime di disumanizzazione. "Il nostro film mostra dove la disumanizzazione porta al peggio. Ha plasmato tutto il nostro passato e il nostro presente - ha detto Glazer -. Che si tratti delle vittime del 7 ottobre in Israele o dell'attacco in corso a Gaza, di tutte le vittime di questa disumanizzazione, come possiamo resistere?".

Glazer ha concluso rendendo omaggio ad Alexandria Bystroń-Kołodziejczyk, un'anziana donna polacca che ha conosciuto e che ha lavorato per la resistenza polacca quando aveva 12 anni. Bystroń-Kołodziejczyk ha raccontato di quando si recava in bicicletta al campo di sterminio per lasciare delle mele: un atto di resistenza silenzioso e nascosto. "Abbiamo usato la sua bicicletta e il vestito che l'attrice indossa era il suo. Purtroppo è morta poche settimane dopo che abbiamo parlato - ha detto Glazer -. Lei brilla nel film come nella vita. Dedico questo film alla sua memoria e alla sua resistenza".

Il discorso di Glazer è stato uno dei momenti salienti della serata, ma il regista è stato criticato per le sue parole, in particolare dalla Holocaust Survivor's Foundation negli Stati Uniti (HSF). "Ho assistito con angoscia domenica sera quando l'ho sentita usare la tribuna della cerimonia degli Oscar per equiparare la brutalità maniacale di Hamas contro israeliani innocenti con la difficile ma necessaria autodifesa di Israele di fronte alla continua barbarie di Hamas. I suoi commenti sono inaccurati nei fatti e moralmente indifendibili", lo ha scritto in una lettera aperta pubblicata sul sito web dell'organizzazione il presidente della fondazione David Schaecter.

"Lei ha fatto un film sull'Olocausto e ha vinto un Oscar -si legge ancora -. E lei è ebreo. Buon per lei. Ma è vergognoso che lei presuma di parlare a nome dei sei milioni di ebrei, tra cui un milione e mezzo di bambini, che sono stati uccisi solo a causa della loro identità ebraica**. Dovrebbe vergognarsi di aver usato Auschwitz per criticare Israele**. Se la creazione, l'esistenza e la sopravvivenza dello Stato di Israele come Stato ebraico equivalgono a 'occupazione' nella sua mente, allora evidentemente non ha imparato nulla dal suo film".

I commenti di Glazer sono stati attaccati anche dalla Anti-Defamation League, che ha pubblicato un messaggio sui social media, affermando che le sue parole sono riprovevoli. "Israele non sta dirottando l'ebraismo o l'Olocausto difendendosi da terroristi genocidi - si legge nel messaggio -. I commenti di Glazer agli Oscar sono sia di fatto scorretti che moralmente riprovevoli. Minimizzano la Shoah e giustificano il terrorismo più efferato".

Sulla questione si è espressa anche Allison Josephs, fondatrice e direttrice esecutiva di Jew in the City. "Glazer avrebbe potuto parlare di come la disumanizzazione degli ebrei abbia portato le persone a non credere che la violenza sessuale sia stata usata contro le donne israeliane o che si tratti di una 'resistenza giustificata' - ha detto Joseph a The Hollywood Reporter -. Avrebbe potuto dire che la disumanizzazione degli ebrei ha portato le persone a celebrare e o negare che il 7 ottobre sia accaduto. Avrebbe potuto notare che il 7 ottobre è stato il giorno più mortale per gli ebrei dopo l'Olocausto".

Glazer ha ricevuto anche sostegno per i suoi commenti. Ad esempio dall'organizzazione dei veterani militari israeliani Breaking the Silence, che ha pubblicato una dichiarazione sui social media: "Glazer ha preso una posizione inequivocabile contro il cinico utilizzo dell'ebraismo e dell'Olocausto in nome della giustificazione dell'occupazione - si legge nel messaggio -. Ci rifiutiamo di accettare la facilità con cui il sangue e le vite dei civili vengono usati come giustificazione di ideologie politiche o come merce di scambio. L'empatia non è un gioco a somma zero".

Risorse addizionali per questo articolo • Hollywood Reporter

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Oscar 2024: Oppenheimer è il miglior film, Emma Stone miglior attrice, non ce la fa Garrone

"The Tortured Poets Department" di Taylor Swift: la recensione di Euronews Cultura

I vincitori del World Press Photo 2024: primo premio a uno scatto della guerra a Gaza