"La tête froide", il primo film del documentarista Stéphane Marchetti tra thriller e umanità

Un fermo immagine del film "La tête froide"
Un fermo immagine del film "La tête froide" Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il lungometraggio racconta l'incontro tra una donna francese che contrabbanda sigarette in Italia e un giovane africano che vuole raggiungere l'Inghilterra

PUBBLICITÀ

È appena uscito al cinema in Francia La tête froide, primo lungometraggio del documentaristaStéphane Marchetti.  Dopo diversi documentari su Gaza e sui rifugiati di Calais, Marchetti si dedica alla fiction. Non si allontana però dai temi a lui cari e porta sugli schermi un'altra storia di migrazione

La tête froide racconta l'incontro di due solitudini, una donna francese che contrabbanda sigarette in Italia e un giovane africano che vuole raggiungere l'Inghilterra.

Il film naviga con successo tra il thriller senza respiro e le situazioni realistiche. Girato interamente in esterni, il film dà spessore e dignità ai suoi personaggi e offre una versione diversa della migrazione, vista per ciò che è: una fuga per un futuro migliore. 

Perché Marchetti abbia scelto di affidarsi alla fiction lo spiega lui stesso: "Non sappiamo bene come descrivere i migranti, gli esuli, gli sfollati e soprattutto, nei media, sono ancora spesso una sorta di massa anonima e invisibile. Quindi, in effetti, la fiction ci permette di raccontare la storia unica di una persona che ha un nome, un'identità, sogni, speranze, dubbi, complessità e ambiguità, proprio come tante altre persone".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Il testimone": il film di propaganda del Cremlino arriva in Italia

Morto l'attore David Soul, star della tv con il telefilm Starsky & Hutch

Topolino, la seconda vita dopo Disney: Mickey Mouse Trap sarà il primo film horror