EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

A Venezia, il restauro forzato di un'opera di Banksy crea polemiche

L'enfant migrant di Banksy a Venezia
L'enfant migrant di Banksy a Venezia Diritti d'autore Lucie Tournebize/Euronews
Diritti d'autore Lucie Tournebize/Euronews
Di Lucie Tournebize
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in francese

Il ministero della Cultura italiano vuole restaurare un'opera di Banksy, mentre alcuni artisti ritengono che debba essere lasciata deteriorare gradualmente

PUBBLICITÀ

Sul muro di un palazzo veneziano abbandonato, un bambino, dipinto con vernice spray nera, che indossa un giubbotto di salvataggio ed ha una torcia in mano, emerge dalle onde. 

Apparsa durante la Biennale d'Arte contemporanea del 2019, l'opera di Banksy è diventata l'ennesima attrazione turistica della Città dei Dogi. 

Tuttavia, a causa dell'umidità e della salsedine, sta scomparendo.

Preoccupato da questo fenomeno, il proprietario del palazzo ha chiesto l'intervento della Sopraintendenza dei Beni culturali, l'istituzione italiana che si occupa del patrimonio culturale. 

Quest'ultima si è dichiarata incompetente ad occuparsi di un'opera così recente: così il sindaco della città, Luigi Brugnaro, e il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, si sono rivolti a Vittorio Sgarbi, sottosegretario alla Cultura del governo di Giorgia Meloni.

Quest'ultimo si è quindi incaricato di restaurare l'opera, nota come "L'Enfant Migrant", grazie a un finanziamento privato fornito da una banca italiana.

L'opera di Banksy a Venezia dovrebbe essere restaurata? 

Vittorio Sgarbi, sottosegretario alla Cultura, ne è convinto: a Venezia la questione, però. divide. 

Guide, architetti, artisti e professionisti hanno opinioni variegate.

Area di sacrificio

"La parte inferiore dei palazzi veneziani, a contatto con l'acqua, è nota in architettura come area sacrificale - spiega Monica Gambarotto, guida turistica veneziana - i__n genere viene lasciata nuda e non dipinta per evitare che l'acqua del canale risalga e venga assorbita dai rivestimenti".

À cause de l'humidité et du sel, "l'Enfant migrant" est en train de disparaître
À cause de l'humidité et du sel, "l'Enfant migrant" est en train de disparaîtreLucie Tournebize pour Euronews

Non c'è quindi da stupirsi se il "Bambino migrante", schizzato dai taxi d'acqua che passano continuamente, sta gradualmente scomparendo. 

Il Rio Novo, dove si trova lo stencil, è uno dei più trafficati della città e collega la stazione ferroviaria al Canal Grande.

Il passaggio delle barche a motore provoca quello che i veneziani chiamano "moto ondoso", onde che erodono la laguna.

Un fenomeno considerato una macro-urgenza dall'Unesco, per i suoi effetti devastanti sull'ambiente e sulle infrastrutture storiche della città.

Due idee opposte di street art

In seguito alla proposta del sottosegretario alla Cultura, gli artisti e gli architetti locali non hanno tardato a reagire. 

Evyrein, artista locale i cui caratteri a stencil ricordano quelli dell'artista anglosassone, si è infuriato: "Banksy non è uno sciocco, sapeva benissimo che creando la sua opera lungo l'acqua non era destinata a durare, restaurarla non ha senso!

Sono stato toccato dal gesto, ma alla fine il risultato è stato peggiore: se mi chiedessero di toccare l'opera di un collega, mi rifiuterei, a meno che non sia d'accordo con lui".

Per Rosanna Carrieri, attivista di Mi Riconosci, associazione di professionisti del settore culturale, è soprattutto fondamentale sollevare la questione con le persone interessate: "Prima di intraprendere un'operazione di restauro, è fondamentale consultare l'artista, ma anche la comunità locale, altrimenti non può che trattarsi di un'operazione calata dall'alto, sfruttando la fama di Banksy".

PUBBLICITÀ
Apparue pendant la Biennale d'art contemporain en 2019, l'oeuvre signée Banksy est devenue une attraction touristique de plus dans la Cité des Doges
Apparue pendant la Biennale d'art contemporain en 2019, l'oeuvre signée Banksy est devenue une attraction touristique de plus dans la Cité des DogesLucie Tournebize pour Euronews

Interpellato da Euronews, il sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi, non è d'accordo: "Non ho alcuna intenzione di consultare l'artista: l'opera è stata realizzata illegalmente e possiamo farne quello che vogliamo!".

Lungi dal temere la contraddizione, l'uomo ammette di riconoscere il valore dell'opera: "Molti turisti la fotografano, quindi ha un valore sociologico importante", dice.

Ma non fino al punto di rispettarne l'obsolescenza: "Il restauro sarà affidato a Federico Borgogni, che ha già effettuato un'operazione di salvataggio di uno stencil di Banksy a Bristol", aggiunge Sgarbi.

Turismo dell'arte di strada

Monica Gambarotto è abituata a portare i turisti sulle tracce di Banksy: la sua agenzia, Guided Tours in Venice, ha persino sviluppato un tour dedicato.

"L'idea è quella di offrire una passeggiata alla scoperta delle opere di street art a Venezia: alcune sono già scomparse, come quelle di Blub, sono state realizzate su carta, il che le rende più facili da strappare o da vandalizzare.

PUBBLICITÀ

Non c'è molta richiesta per un tour dedicato alla street art, ma più spesso mi viene chiesto di includere Banksy in un tour su misura".

Quindi il restauro deve essere considerato necessario per il turismo?

"Come storica dell'arte, ho dei dubbi su questo progetto: in passato, praticamente tutti i palazzi veneziani erano adornati di affreschi, che nel tempo sono scomparsi, ma le cose stanno così.

La pittura sui palazzi è necessariamente una tecnica effimera: d'altra parte, qualsiasi atto vandalico effimero, come la street art, diventa un documento storico.

In questo senso, l'opera di Banksy è ancora oggi un documento importante, quindi questo restauro è al tempo stesso comprensibile e controintuitivo", aggiunge Monica Gambarotto.

PUBBLICITÀ

I mali di Venezia

Per i promotori del restauro è anche un modo per legare il proprio nome a Venezia, che soffre di molti altri problemi. 

Matteo Pandolfo, membro dell'Ordine degli Architetti di Venezia, sottolinea che "questo palazzo è vuoto da decenni in un momento in cui la città è a corto di alloggi: d__ovremmo preoccuparci della direzione che sta prendendo Venezia, i cui equilibri vengono profondamente stravolti dal turismo, anziché del restauro di un'opera nata per scomparire".

_"Dobbiamo guardare al problema della tutela delle opere d'arte in generale - aggiunge_Rosanna Carrieri - il ministero non ha il personale, in particolare gli storici dell'arte, per garantire la conservazione e l'accesso alle opere

Attirare l'attenzione sul Bambino migrante significa svuotare l'opera del suo significato sociale e politico".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rubata un'opera di Banksy a Kiev. La polizia arresta otto persone

A Firenze una mostra (non autorizzata) delle opere di Banksy

Orsi polari e draghi di lava: i finalisti dei Drone Photo Awards 2024