EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'Uzbekistan fa sempre più gola agli investitori stranieri

L'Uzbekistan fa sempre più gola agli investitori stranieri
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Galina Polonskaya
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le riforme, iniziate nel 2017 con l'apertura dell'economia, stanno attirando capitali stranieri nel Paese: gli investimenti internazionali sono aumentati di oltre 10 volte negli ultimi 6 anni

PUBBLICITÀ

Gli investimenti internazionali in Uzbekistan sono aumentati di oltre 10 volte negli ultimi 6 anni. Le riforme governative, iniziate nel 2017 con l'apertura dell'economia, stanno attirando capitali stranieri in questo Paese dell'Asia centrale. L'interesse degli investitori sta crescendo.

Silverleafe, una joint venture tra Stati Uniti e Uzbekistan, coltiva il cotone nella regione di Jizzax. L'intero processo, dalla semina al raccolto, è automatizzato al 100%. Quest'anno Silverleafe implementerà in Uzbekistan una nuova tecnologia che creerà un'impronta digitale per aiutare a tracciare il cotone raccolto a macchina. Tutte le attrezzature sono state portate dagli Stati Uniti.

"Quelle cupole gialle in cima sono una parte molto importante dell'agricoltura di precisione e dell'agricoltura digitale - dice Dan Patterson, direttore generale di Silverleaf -. Siamo in grado di raccogliere informazioni, verificare le informazioni sul raccolto e inviarle a un satellite, in modo da avere una tracciabilità sul campo per il raccolto del cotone".

Risorse naturali e una popolazione giovane

Patterson è stato invitato in Uzbekistan nel 2018 per modernizzare l'agricoltura e partecipare alle riforme. In totale Silverleafe ha investito in Uzbekistan circa 40 milioni di dollari. "La gente cerca di capire se le riforme sono reali o sono solo chiacchiere - dice Patterson -. Essendo stato qui negli ultimi cinque anni posso dirvi che sono reali. Stanno creando le infrastrutture affinché il capitale straniero possa entrare e trarre vantaggio dalle risorse naturali e dal mercato del lavoro. Il 60% della popolazione ha 30 anni o meno: quindi è una grande opportunità trasferire le attività e fare investimenti qui".

Negli ultimi cinque anni la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo ha impegnato oltre 3 miliardi di euro, distribuiti su 100 progetti che coprono settori chiave dell'economia uzbeka. Ogni anno l'importo degli investimenti ha superato quello precedente. L'energia sostenibile è una delle priorità. La Banca ha fornito un prestito a una delle prime centrali solari private in Uzbekistan. Negli ultimi tre anni il Paese è il principale beneficiario dei finanziamenti della Banca in Asia centrale e le prospettive sono di investire ancora di più.

"L'Uzbekistan è un polo d'investimento grazie alla sua storia di riforme, a partire dalla liberalizzazione della moneta, passando per la legge sul partenariato pubblico-privato, la strategia sulla green economy per il 2030, la privatizzazione delle banche e delle organizzazioni statali in corso - dice Alkis Drakinos, direttore responsabile della banca in Uzbekistan - Tutte queste riforme stanno dando un forte segnale agli investitori internazionali sul potenziale dell'Uzbekistan e sul suo appetito e impegno per le riforme".

Le potenzialità del settore tecnologico

Il settore tecnologico è molto attraente per gli investitori stranieri. La società di investimento Sturgeon Capital, con sede a Londra, è stata la prima a cercare di investire nelle startup e nelle infrastrutture digitali dell'Uzbekistan attraverso un fondo dedicato da 25 milioni di dollari lanciato nel 2020.

"Le tre aree su cui ci concentriamo sono fintech, market place - soprattutto e-commerce - e software - dice Kiyan Zandiyeh, direttore degli investimenti di Sturgeon Capital -. Da quando abbiamo investito, in media i ricavi di queste aziende sono quasi triplicati e c'è ancora margine".

Billz è stata la prima startup uzbeka ad essere finanziata da Sturgeon capital. Ha creato un software che aiuta a gestire e far crescere le attività di vendita al dettaglio. La startup si è già espansa in quattro Paesi e ha attirato altri investitori. "Cinque anni fa era molto difficile per noi trovare investitori, semplicemente perché non ce n'erano - dice Rustam Khamdamov, cofondatore e amministratore delegato di Billz -. Ora è molto più facile comunicare con i fondi, il loro numero è anche molto più grande rispetto a cinque anni fa. Tutto questo ci dà l'opportunità di svilupparci".

La liberalizzazione dei visti, tasse più basse e l'aumento della popolazione istruita sono tra gli argomenti per attrarre capitali stranieri. Il volume degli investimenti stranieri in Uzbekistan è aumentato significativamente negli ultimi anni. Il Paese punta ad attrarre più di 100 miliardi di euro nei prossimi quattro anni.

"Continueremo a lavorare scrupolosamente per rendere l'ambiente imprenditoriale e il clima per gli investimenti nel Paese ancora più attraente - dice Laziz Kudratov, ministro degli Investimenti, dell'Industria e del Commercio dell'Uzbekistan -. La cosa più importante per noi è garantire la qualità degli investimenti per assicurare uno sviluppo sostenibile e a lungo termine dell'economia dell'Uzbekistan, e renderla competitiva".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Elezioni in Uzbekistan, il trionfo annunciato di Mirzioev