Goldman Sachs: possibile petrolio a 20 dollari al barile

Goldman Sachs: possibile petrolio a 20 dollari al barile
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Benvenuti nella nuova era del petrolio “leggero”. Un’era, avverte Goldman Sachs, in cui il prezzo dell’oro nero potrebbe scendere addirittura a 20

PUBBLICITÀ

Benvenuti nella nuova era del petrolio “leggero”. Un’era, avverte Goldman Sachs, in cui il prezzo dell’oro nero potrebbe scendere addirittura a 20 dollari al barile. Non è lo scenario più probabile ma, senza una diminuzione delle forniture (che a livello globale oggi superano abbondantemente la domanda), è plausibile.

Non a caso gli analisti della banca hanno anche abbassato sotto i 50 dollari il prezzo medio al barile previsto per l’anno prossimo. In mancanza di un taglio della produzione da parte dell’Organizzazione dei Paesi esportatori sarà lo stesso surplus di greggio, affossando i prezzi, a portare una naturale correzione. Molti produttori non-Opec, come quelli dello scisto statunitense, hanno infatti costi di estrazione molto più alti e dovranno inevitabilmente tagliare le attività.

La domanda a questo punto è quando si tornerà al punto di equilibrio: secondo l’Agenzia internazionale dell’energia la produzione di petrolio non-Opec crollerà di 500 mila barili al giorno l’anno prossimo. A quel punto la domanda sarà tornata a crescere e il mondo busserà nuovamente alla porta dell’Opec. Nel frattempo, però, gli impianti di stoccaggio sono stracolmi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione taglia le previsioni di crescita dell'Ue e dell'Italia: in calo anche l'Inflazione

La Germania scalza il Giappone: è la terza economia mondiale

Come saranno i salari minimi in Europa nel 2024?