EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

India: il premier Narendra Modi presta giuramento per il terzo mandato

Narendra Modi, a destra, presta giuramento come Primo Ministro dell'India dal Presidente Droupadi Murmu, a sinistra, presso il Rashtrapati Bhawan, a Nuova Delhi, India, domenica 9 giugno 2024.
Narendra Modi, a destra, presta giuramento come Primo Ministro dell'India dal Presidente Droupadi Murmu, a sinistra, presso il Rashtrapati Bhawan, a Nuova Delhi, India, domenica 9 giugno 2024. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Daniel Bellamy Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il 73enne leader, popolare ma polarizzante, è il secondo primo ministro indiano dopo Jawaharlal Nehru a mantenere il potere per un terzo mandato quinquennale

PUBBLICITÀ

Narendra Modi ha prestato giuramento domenica per un raro terzo mandato consecutivo come primo ministro indiano, affidandosi ai suoi partner di coalizione dopo che il suo partito non ha ottenuto la maggioranza parlamentare.

Modi e i ministri del suo gabinetto hanno prestato giuramento, amministrato dal presidente Droupadi Murmu, nel palazzo presidenziale Rashtrapati Bhavan di Nuova Delhi.

Il 73enne leader, popolare ma polarizzante, è il secondo primo ministro indiano dopo Jawaharlal Nehru a mantenere il potere per un terzo mandato quinquennale.

Il partito di Modi da solo non ha ottenuto la maggioranza

Il suo partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party, che ha vinto a valanga nel 2014 e nel 2019, non è riuscito a ottenere la maggioranza per governare in modo indipendente alle ultime elezioni nazionali. Tuttavia, la coalizione dell'Alleanza Nazionale Democratica di Modi ha ottenuto abbastanza seggi per formare un governo con lui alla guida.

È la prima volta che il Bjp di Modi ha bisogno del sostegno dei suoi alleati regionali per formare un governo dopo un decennio in cui ha comandato la maggioranza in Parlamento.

I risultati finali delle elezioni pubblicati mercoledì hanno mostrato che il Bjp di Modi ha ottenuto 240 seggi, ben al di sotto dei 272 necessari per la maggioranza. Insieme, i partiti della coalizione Nda hanno ottenuto 293 seggi nella Camera bassa del Parlamento, composta da 543 membri.

La coalizione di governo di Modi per rimanere al potere ora dipende in larga misura da due alleati regionali chiave, il Telugu Desam Party nello Stato meridionale dell'Andhra Pradesh e il Janata Dal (United) nello Stato orientale del Bihar.

Nel frattempo, lo sfidante politico di Modi, l'alleanza India guidata dal partito del Congresso, ha dato vita a una battaglia più forte del previsto, raddoppiando la sua forza rispetto alle ultime elezioni e conquistando 232 seggi.

Nazionalista indù dichiarato, il primo ministro è considerato un campione della maggioranza indù del Paese, che costituisce l'80 per cento degli 1,4 miliardi di abitanti dell'India. I suoi sostenitori gli attribuiscono la rapida crescita economica e il miglioramento della posizione globale dell'India da quando è al potere.

Ma i critici sostengono che abbia anche minato la democrazia indiana e il suo status di nazione laica, con attacchi da parte dei nazionalisti indù contro le minoranze del Paese, in particolare i musulmani, e una riduzione dello spazio per il dissenso e la libertà dei media. I suoi avversari politici hanno messo in discussione i risultati economici del suo governo, sottolineando l'alto tasso di disoccupazione e la crescente disuguaglianza nonostante la forte crescita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

India, Narendra Modi vince le elezioni ma il voto ridimensiona il potere dei nazionalisti indú

Elezioni in India: lo spoglio dei voti è cominciato, Modi verso la vittoria secondo le proiezioni

Concluse le elezioni in India: il caldo provoca 33 morti nei seggi elettorali