EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Judo, il Giappone domina nell'ultimo giorno dei Campionati del mondo

La cerimonia finale dei Campionati del mondo di judo di Abi Dhabi
La cerimonia finale dei Campionati del mondo di judo di Abi Dhabi Diritti d'autore IJF
Diritti d'autore IJF
Di Andrea Barolini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ad Abu Dhabi l'ultimo giorno dei Campionati del mondo di judo incorona ancora una volta il Giappone

PUBBLICITÀ

La soleggiata città di Abu Dhabi ha ospitato la sesta e ultima giornata dei Campionati del mondo di judo. In scena gli incontri a squadre miste, che hanno entusiasmato il pubblico. Si tratta di prove di forza che esaltano il lavoro di gruppo, con tre uomini e tre donne per ciascun team. Tutti alla ricerca della vittoria. I migliori judoka di tutto il mondo hanno cercato di tenere alti i colori delle loro nazioni, ma anche i valori universali della loro disciplina. 

La giornata è stata ricca di momenti emozionanti, con i judoka che ad ogni tecnica hanno testimoniato l'importanza dell'aiuto reciproco in questa particolare competizione. 

In semifinale, il Giappone ha affrontato i forti judoka dell'Uzbekistan, passando subito in vantaggio grazie a una performance superlativa di Mao ARAI. Successivamente, però, un magistrale ippon di Muzaffarbek TUROBOYEV ha fatto ipotizzare una rimonta da parte dell'Uzbekistan. Alla fine, però, è stato il Giappone ad imporsi, con un netto 4 a 1 grazie a un judo davvero brillante, che è valso agli atleti nipponici la finale.

L'altra semifinale tra Francia e Georgia è stata decisamente più combattuta, con vittorie da entrambe le parti nei primi quattro incontri. La campionessa del mondo Margaux PINOT e Axel CLERGET hanno però chiuso i loro incontri a pugni levati e si sono garantiti la vittoria e l'ingresso in finale .

La finale, dunque, ha visto ancora una volta scontrarsi Giappone e Francia, come già accaduto negli ultimi sei campionati del mondo. Finora il Giappone si è sempre imposto, ma la Francia è apparsa determinata a interrompere la striscia nipponica di risultati positivi. Partendo dai pesi massimi, però, gli atleti asiatici hanno imposto il loro judo, con le vittorie in sequenza di NAKANO, TAMAOKI e TANAKA. Un'illusione per la squadra transalpina è arrivata con la vittoria di Pinot, ma è stato alla fine  Tomoyuki KAWABATA ad imporsi su CLERGET e a sancire l'ennesima vittoria per il Giappone nella competizione a squadre miste. 

Le medaglie d'oro sono state consegnate dal Presidente dell'IJF Marius VIZER e da Max-Hervé GEORGE, CEO di Icona Capital, mentre il trofeo iridato è stato consegnato dal presidente della Federazione di judo degli Emirati Arabi Uniti, Sua eccellenza Mohammed Bin Thaaloob ALDEREI. "È fantastico ottenere la settima vittoria consecutiva", ha commentato Tamaoki al termine delle gare.

Lui, come gli altri atleti e gli spettatori, non possono che ringraziare Abu Dhabi, che ha passato la bandiera all'Ungheria, che ospiterà i prossimi Campionati del mondo, a Budapest, nel 2025.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo, i pesi massimi in scena ai Campionati del mondo di Abu Dhabi

Judo, altri tre campioni del mondo ad Abu Dhabi

Judo, terzo titolo mondiale per Grigalashvili. Sorpresa nei -63kg