EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il capo dell'Aiea in Iran per chiedere controlli più severi sul programma nucleare del Paese

Il Direttore dell'Aiea Rafael Mariano Grossi stringe la mano al Ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian a Teheran, Iran, lunedì 6 maggio 2024.
Il Direttore dell'Aiea Rafael Mariano Grossi stringe la mano al Ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian a Teheran, Iran, lunedì 6 maggio 2024. Diritti d'autore AP/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore AP/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Iran ha limitato la capacità dell'osservatorio nucleare delle Nazioni Unite di condurre controlli adeguati sulle sue attività nucleari e l'organismo deve affrontare una serie di ostacoli imposti da Teheran

PUBBLICITÀ

Il capo dell'Osservatorio nucleare delle Nazioni Unite Rafael Grossi è in Iran per chiedere controlli più severi sul programma nucleare del Paese. L'Aiea (l'Agenzia internazionale per l'energia atomica) ha sempre più difficoltà a monitorare il rapido avanzamento del programma nucleare della Repubblica islamica, esacerbato dalle tensioni in Medio Oriente per la guerra tra Israele e Hamas.

Grossi ha già avvertito che Teheran ha abbastanza uranio arricchito a livelli quasi da arma da fuoco per realizzare "diverse" bombe nucleari e ha riconosciuto che l'Agenzia non può garantire che nessuna delle centrifughe iraniane sia stata rimossa per l'arricchimento segreto.

IAEA chief Rafael Grossi on the purpose of his Iran trip

Ma il capo dell'organizzazione iraniana per l'energia atomica Mohammad Eslami ha affermato che la cooperazione con l'Aiea e l'adesione al Trattato di non proliferazione nucleare "sono in cima alle politiche e alla strategia della Repubblica islamica".

"Il 22 per cento delle ispezioni dell'Aiea viene effettuato in Iran. Questa quantità di ispezioni non è mai stata effettuata in nessun Paese nel corso della storia", ha dichiarato Mohammad Eslami. In linea con i funzionari che hanno sempre sostenuto che il programma nucleare iraniano è per scopi pacifici, Eslami ha aggiunto che Teheran "espanderà la tecnologia nucleare con determinazione".

Ma l'Iran ha effettivamente limitato la capacità dell'Aiea di condurre controlli adeguati sulle sue attività nucleari e l'agenzia delle Nazioni Unite deve affrontare una serie di sfide, dall'incapacità di Teheran di spiegare le tracce di uranio trovate in siti non dichiarati all'esclusione di quasi tutti i massimi esperti di arricchimento dell'Aiea.

Il fallimento dell'accordo storico del 2015

Lo storico accordo sul nucleare, ufficialmente noto come Piano d'azione congiunto globale, è stato firmato dall'Iran e dalla maggior parte dei Paesi occidentali insieme all'Unione europea nel 2015.

L'accordo prevedeva che l'Iran ricevesse un alleggerimento delle sanzioni in cambio dell'imposizione di limiti alle sue attività nucleari, in particolare al grado di arricchimento dell'uranio.

Il direttore generale dell'Aiea Rafael Grossi durante il suo incontro con il ministro degli Esteri iraniano a Teheran, 6 maggio 2024
Il direttore generale dell'Aiea Rafael Grossi durante il suo incontro con il ministro degli Esteri iraniano a Teheran, 6 maggio 2024AP/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

Ma l'accordo è deragliato nel 2018 quando l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato la firma degli Usa, definendolo "il peggior accordo della storia". La Casa Bianca ha quindi imposto una serie di nuove sanzioni all'Iran, adottando una campagna di "massima pressione" nel tentativo di costringere il Paese a limitare le sue attività nucleari.

La campagna ha avuto l'effetto opposto, allontanando sempre più l'Iran dagli impegni assunti con l'accordo. Da allora l'Iran ha iniziato a superare i limiti concordati di uranio arricchito e ha sviluppato nuove centrifughe.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Consiglio Affari Esteri Ue: Borrell, ok a estensione sanzioni per missili e droni iraniani

Nucleare, Grossi vede Putin: cresce la preoccupazione per la centrale di Zaporizhzhia

Arma nucleare spaziale russa: la Casa Bianca abbassa i toni