EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria, in 10mila al comizio di Peter Magyar: il nuovo principale oppositore di Victor Orbán

Péter Magyar, sfidante in ascesa del primo ministro ungherese Viktor Orbán, si rivolge alla gente durante un comizio elettorale nella città rurale di Debrecen, in Ungheria
Péter Magyar, sfidante in ascesa del primo ministro ungherese Viktor Orbán, si rivolge alla gente durante un comizio elettorale nella città rurale di Debrecen, in Ungheria Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Almeno diecimila persone provenienti dalle campagne ungheresi si sono riunite a Debrecen per seguire il comizio di Peter Magyar, il nuovo principale oppositore del primo ministro Viktor Orbán. La prima sfida elettorale tra i due leader politici è attesa alle elezioni europee di giugno

PUBBLICITÀ

Circa diecimila persone si sono riunite a Debrecen, la seconda città più grande dell'Ungheria, a sostegno di Péter Magyar, nuovo oppositore del governo Orban, salito alla ribalta recentemente grazie alla promessa di porre fine a problemi come la corruzione pubblica e il declino della qualità della vita. Magyar denuncia lo "Stato mafioso" di Orbán e ha dichiarato guerra alla macchina di propaganda gestita dal governo. 

Magyar ha definito il comizio "la più grande manifestazione politica in campagna" della storia recente del Paese, ultima tappa del suo tour elettorale che ha mobilitato migliaia di persone nell'Ungheria rurale. I sostenitori hanno sopportato una breve ma inaspettata pioggia prima della manifestazione pomeridiana. Sventolavano bandiere ungheresi con i nomi delle città e dei villaggi del Paese da cui provenivano.

"Oggi la stragrande maggioranza del popolo ungherese è stanca dell'élite al potere, dell'odio, dell'apatia, della propaganda e delle divisioni artificiali", ha detto Magyar alla folla. "Gli ungheresi oggi vogliono cooperazione, amore, unità e pace". Il suo partito, Tisza (Rispetto e Libertà), ha annunciato che presenterà 12 candidati alle elezioni europee che nel Paese si svolgeranno il 9 giugno, con Magyar capolista del suo schieramento politico.

Tisza ha anche annunciato che presenterà quattro candidati alle elezioni comunali nella capitale Budapest. Rivolgendosi alla folla, ha affermato che la “propaganda governativa” ha tentato di screditare il suo movimento come “solo un gruppo di media del centro di Budapest” e ha criticato i tradizionali partiti di opposizione ungheresi per aver abbandonato gli ungheresi delle zone rurali.

“Per 14 anni abbiamo sentito dire dall'opposizione che è impossibile in queste circostanze sconfiggere Orban, che non vale la pena di recarsi nelle campagne, che i giovani non sono interessati alla politica, che non si possono abbattere i muri della propaganda”, ha detto. “Ma guardatevi intorno! Qual è la verità?”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, l'opposizione: "Orbán spende i soldi pubblici in campagne di diffamazione"

Ungheria: migliaia in piazza contro Viktor Orbán

Ungheria, lo scandalo degli audio e la sfida lanciata a Orbán da Péter Magyar