EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Grand Slam di Dushambe, la stella Hojo resta imbattuta

Le atlete premiate nella seconda giornata del Grand Slam di judo di Dushambe
Le atlete premiate nella seconda giornata del Grand Slam di judo di Dushambe Diritti d'autore IJF
Diritti d'autore IJF
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Dushambe, in Tagikistan, è andata in scena la seconda giornata del Grand Slam di judo

PUBBLICITÀ

Il Grand Slam di judo di Dushanbe è giunto alla sua seconda giornata, nel cuore del Tagikistan, in una cornice di bellezze naturali, montagne e cultura. Un evento che non rappresenta solo un'occasione per ammirare l'abilità dei judoka presenti e per tifare per i propri beniamini, ma anche per celebrare i valori universali di rispetto e lealtà che questo sport è in grado di promuovere in tutto il mondo. 

Presenti il sindaco di Dushanbe Rustam EMOMALI, il presidente della Federazione di judo del Tagikistan Ismoil MAHMADZOIR, e Vlad Marinescu, direttore generale della Federazione internazionale di judo, che hanno aperto la giornata, mentre i campioni del Tagikistan, penne alla mano, hanno firmato autografi per la gioia degli appassionati presenti. Una buona notizia, per loro, è la firma di nuovi accordi che permetteranno alla capitale tagika di ospitare nuovamente gare internazionali nei prossimi anni. 

Ma il cuore del Grand Slam è certamente la competizione. Per questo non è mancata la tensione, mentre i tifosi riempivano le tribune per assistere al meglio del judo mondiale. 

Nei -63 kg Lubjana PIOVESANA ha affrontato Dali LILUASHVILI. L'atleta austriaca ha ottenuto subito un waza-ari e ha tenuto testa alla sua avversaria per il tempo restante, conquistando la medaglia d'oro.Il direttore didattico e degli allenatori dell'IJF, Mohammed MERIDJA, ha consegnato  le medaglie. "Penso che il tifo qui sia stato uno dei migliori a cui mi sia capitato di assistere in una competizione. Per la finale mi ha davvero motivato perché volevo fare una buona performance davanti a loro, è stato bello avere un sostegno come questo dal pubblico".

Il campione del mondo in carica Nils STUMP ha mostrato un eccellente stato di forma a poche settimane dai campionati del mondo. Ha affrontato il beniamino di casa Behruzi KHOJAZODA, che si è dovuto arrendere al judoka svizzero. Il sindaco di Dushanbe, Rustam EMOMALI, ha consegnato le medaglie. "Sapevo che ci sarebbe stato molto tifo, il popolo tagiko è davvero appassionato di judo. Ma ho cercato di concentrarmi solo su me stesso. Naturalmente sono triste per Behruzi che non ha potuto vincere davanti al pubblico di casa".

Nei -70 kg, Michaela POLLERES ha ottenuto due waza-ari e ha conquistato il suo terzo oro nel Grand Slam. Il direttore degli arbitri dell'IJF, Armen BAGDASAROV, ha consegnato le medaglie.

Nei -81 kg Yoshito HOJO ha raggiunto la finale per la seconda volta in altrettante edizioni del tour mondiale, questa volta affrontando Wachid BORCHASHVILI che ha tentato invano di tenergli testa. Il due volte campione olimpico e tre volte campione del mondo Shohei ONO ha consegnato la medaglia all'ancora imbattuto Hojo!

Per tutta la giornata i tifosi hanno assistito ad entusiasmanti performance da parte dei loro beniamini. Si è così chiusa su un'altra emozionante giornata di judo ospitata da Dushanbe e dal Tagikistan, perle dell'Asia centrale. Appuntamento a domenica per i pesi massimi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il gotha del judo mondiale a Dushambe per il Grand Slam

Grand Slam di Antalya, il mondo del judo saluta la perla della Turchia

Grand Slam di Antalya, seconda giornata tra leggende e conferme