Russia al voto ma senza opposizione: Putin sicuro di ottenere il quinto mandato

Un'elettrice mette la scheda nell'urna in un seggio di San Pietroburgo
Un'elettrice mette la scheda nell'urna in un seggio di San Pietroburgo Diritti d'autore Dmitri Lovetsky/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Dmitri Lovetsky/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Tra i candidati in corsa, oltre a Putin, figurano i nomi di tre esponenti dell'opposizione sistemica. Gli oppositori veri sono stati tutti neutralizzati, incarcerati o sono morti come Navalny

PUBBLICITÀ

Secondo giorno di elezioni presidenziali in Russia. Si vota anche nei territori ucraini occupati (Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson).  Per la prima volta, alcuni territori della Federazione russa e la Crimea possono votare via internet: la misura alimenta i timori di brogli elettorali rispetto ad affluenza e risultati finali. Non si prevedono sorprese: Putin è sicuro di ottenere il quinto mandato

Non c'è opposizione in Russia

Non esiste una vera opposizione che possa ribaltare un risultato scontato. Tra i candidati in corsa, oltre a Putin, figurano i nomi di tre esponenti dell'opposizione sistemica, già presente nel Parlamento russo e allineata sulle posizioni dell'attuale presidente: 

- Vladislav Davankov, 40 anni, uomo d'affari, in politica dal 2020
- Nikolay Karitonov, 75 anni, candidato del Partito Comunista (Kprf) 

- Leonid Slutsky, 56 anni, esponente del partito Liberal-democratico.

I veri oppositori del regime di Putin sono stati tutti neutralizzati, incarcerati o sono morti come il dissidente Alexei Navalny.

L'esponente dell'opposizione teme per la sua vita

La TV belga ha incontrato a San Pietroburgo Boris Vishnevsky, che rappresenta "Yabloko", partito di sinistra liberale i cui esponenti, nell'era di Putin, sono stati in gran parte marginalizzati e perseguitati. 

Vishnevsky conosce molto bene i metodi di Putin: durante le elezioni comunali nel 2021, ha incontrato ben due "candidati-sosia" presenti nella scheda elettorale: foto simili e nomi simili. È riuscito a passare comunque. 

Il politico russo ha detto che diversi colleghi di "Yabloko" sono stati perseguiti, due sono in custodia in carcere. Teme per la sua incolumità. Secondo lui, attualmente, non si possono prevedere le conseguenze di decisioni all'apparenza innocue.

L'ex oppositrice pentita

Intanto, la presidente della Commissione elettorale centrale, Ella Pamfilova, ha definito "farabutti o stupidi" coloro che avrebbero incendiato i seggi elettorali o cercato di disturbare il voto in altri modi. Pamfilova ha affermato che quelle persone sono state manipolate e pagate  10.000 rubli per le loro azioni (99 euro). 

La stessa Pamfilova era una figura di spicco dell'opposizione negli anni 1990-2000: rappresentava i movimenti contro la guerra e i diritti umani, ed è diventata la prima donna in Russia a candidarsi per la presidenza (nel 2000, ha ottenuto l'1,01%).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché le sanzioni dell'Ue non impediranno a Putin di restare al potere

Elezioni in Russia: oltre 110 milioni al voto, Putin unico favorito

Russia, respinto l'appello di un uomo arrestato per l'attentato alla Crocus city hall di Mosca