Primarie Usa: Joe Biden e Donald Trump vincono la nomination, correranno di nuovo per la Casa Bianca

Il presidente Joe Biden saluta i sostenitori dopo aver parlato a un evento della campagna elettorale, il 9 marzo 2024, ad Atlanta
Il presidente Joe Biden saluta i sostenitori dopo aver parlato a un evento della campagna elettorale, il 9 marzo 2024, ad Atlanta Diritti d'autore Brynn Anderson/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Brynn Anderson/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente Joe Biden e il suo predecessore Trump hanno conquistato la nomination dei rispettivi partiti vincendo le primarie in Georgia, Washington e Mississippi. Se confermati nelle convention estive i presumptive nominee si sfideranno a novembre per la presidenza

PUBBLICITÀ

Joe Biden e Donald Trump hanno entrambi raggiunto il numero di delegati necessario per garantirsi la nomination dei rispettivi partiti e correre alle elezioni presidenziali del 2024.  Entrambi sono ora considerati presumptive nominee, candidati in attesa della consacrazione ufficiale alle convention estive dei loro partiti.

Trump e Biden hanno i delegati necessari per la nomination

Secondo le proiezioni dei media, Trump ha raggiunto matematicamente la nomination. Il tycoon aveva 1.075 delegati, ma dopo il mini Super Tuesday (si è votato in Georgia, Mississippi, nello Stato di Washington e c'è attesa per i risultati dei caucus delle Hawaii) ha superato la fatidica soglia di 1.215 necessaria per garantirsi la nomination repubblicana

Anche Biden ha vinto le primarie democratiche, già con le prime proiezioni della Georgia è stato chiaro che il presidente in carica ha raggiunto il quorum matematico dei 1.968 delegati necessari.

I delegati parteciperanno alle convenzioni nazionali dove selezioneranno formalmente il candidato presidenziale del loro partito.

Nikky Haley al 15 per cento anche dopo il ritiro

La vittoria schiacciante di Trump in Georgia, con più dell'80 per cento dei voti, suscita molte preoccupazioni per il Tycoon. La sua ex rivale Nikki Haley, pur essendosi ritirata dalla corsa, è al 15,4 per cento e ha conquistato più di 60mila voti.

È un segnale di allarme secondo alcuni analisti per la corsa alla Casa Bianca di Trump. Perché tra i repubblicani resta uno zoccolo duro che non lo vuole come presidente. Negli Stati in bilico come la Georgia questo elettorato potrebbe essere decisivo: nel 2020 Joe Biden vinse in Georgia per meno di 12mila voti.

Le dichiarazioni di Trump e di Biden dopo la vittoria

"Sono onorato che l'ampia coalizione di elettori che rappresentano la ricca diversità del Partito Democratico in tutto il Paese abbia riposto ancora una volta la loro fiducia in me per guidare il nostro partito e il nostro Paese", ha dichiarato Biden. Nel frattempo, Trump ha usato i social media per esprimere la sua determinazione: "Non temete, non falliremo, ci riprenderemo il nostro Paese, un tempo grande".

La vittoria di Biden in Georgia e quella di Trump nello stato di Washington hanno confermato le aspettative e consolidato le posizioni dei due candidati in corsa per la presidenza, portando la politica americana a un punto cruciale nel suo percorso verso le elezioni del 2024.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa, Super Tuesday: dopo il trionfo di Trump, Haley annuncia il ritiro

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi

Primarie repubblicane a Washington D.C., prima vittoria di Nikki Haley su Donald Trump