Stati Uniti: l'ondata di gelo mette a rischio i caucus repubblicani in Iowa

tempeste in Iowa
tempeste in Iowa Diritti d'autore Charlie Neibergall/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Molti i disagi negli Stati Uniti a causa dell'ondata di maltempo che sta colpendo il Paese. A causa del freddo si teme per l'affluenza ai caucus dei repubblicani in Iowa

PUBBLICITÀ

In Iowa, i cittadini si preparano ad altre nevicate dopo la forte tempesta di neve di questa settimana. A parte i problemi comunali, l'ondata di maltempo potrebbe avere conseguenze sulla politica: lunedì 15 dovrebbero tenersi i caucus repubblicani. Un evento cruciale in vista delle elezioni presidenziali del prossimo 5 novembre. L'ex governatrice della Carolina del Sud Nikki Haley vuole imporsi come alternativa al governatore della Florida Ron DeSantis nel tentativo di presentare una nuova scelta al posto di Donald Trump. In corsa c'è anche l'uomo d'affari Vivek Ramaswamy, ma nessuno sembra prenderlo sul serio. Per quanto riguarda i democratici, non c'è molta suspense: Joe Biden dovrebbe essere ampiamente rieletto.

Il maltempo blocca gli Stati Uniti e il voto

Con le temperature gelide e probabilmente anche una bufera di neve previste per lunedì, l'affluenza ai caucus è in pericolo. Venerdì sera, il governatore di New York ha dichiarato lo stato di emergenza in previsione di una tempesta di neve potenzialmente mortale. Chicago ha già dovuto cancellare e ritardare centinaia di voli nel suo aeroporto, uno dei più trafficati al mondo.Haley ha affermato di non sapere nemmeno come siano i meno 15 gradi. Gli analisti sono però lontani dall'affermare che la nevicata potrebbe determinare l'esito della campagna presidenziale, ma le preoccupazioni sono state sollevate.

Qual è la differenza tra primarie e caucus

Nella maggior parte degli Stati Usa si tengono le primarie. Organizzate e finanziate dai governi statali, si svolgono allo stesso modo delle elezioni nazionali. Gli elettori si recano in un seggio elettorale e votano per il loro candidato preferito. Alcune primarie sono “aperte”, vale a dire che qualsiasi elettore può presentarsi e partecipare alle primarie del partito che preferisce. Tuttavia, non può partecipare sia alle primarie democratiche che a quelle repubblicane. Altre sono “chiuse”, nel senso che solo i membri del partito possono parteciparvi. Infine, ci sono primarie “semichiuse” alle quali possono partecipare membri del partito e simpatizzati. 

I caucus sono organizzati e finanziati dai partiti stessi e non dagli Stati. La parola “caucus” deriva da un termine algonchino che significa “consiglio”. Il sistema del caucus è una successione di riunioni. Viene designato il candidato presidenziale, ma vengono selezionati anche i leader dei partiti locali. Questi incontri si svolgono durante una settimana e possono durare ore, motivo per cui i caucus generalmente riuniscono meno persone rispetto alle primarie. Coloro che partecipano sono generalmente più coinvolti nella politica dei partiti.

I partiti hanno un maggiore controllo sulle procedure di un caucus, ma devono sostenere i costi di organizzazione. Nel sistema delle primarie, invece, i partiti lasciano la logistica e il finanziamento agli Stati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni USA, Ron DeSantis si ritira dalle primarie repubblicane e appoggia Donald Trump

Stati Uniti: ha precedenti per violenza domestica, aggredisce anche la giudice durante l'udienza

Stati Uniti, Donald Trump vince le primarie in South Carolina: Haley battuta in casa