Sunak: "Elezioni nel Regno Unito entro il 2024", ma i conservatori sono indietro nei sondaggi

Keir Starmer, leader del partito laburista del Regno Unito
Keir Starmer, leader del partito laburista del Regno Unito Diritti d'autore Stefan Rousseau/AP
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il leader dell'opposizione, Keir Starmer, ha sollecitato elezioni anticipate e accusato i Tories al governo di aver accompagnato il Paese al declino. La scadenza naturale della legislatura è prevista il 19 dicembre 2024

PUBBLICITÀ

Il primo ministro del Regno Unito Rishi Sunak ha dichiarato che le elezioni generali si terranno forse "nella seconda metà del 2024".

Il commento di Sunak è arrivato dopo che il leader dell'opposizione, Keir Starmer, ha accusato i Tories al governo di aver accompagnato il Paese al declino durante i loro 14 anni al potere, e ha sollecitato un'elezione anticipata, rispetto alla scadenza della legislatura, prevista il 19 dicembre 2024.

In attesa del voto, il premier conservatore ha stilato la lista delle sue priorità: rilancio dell'economia, meno tasse e lotta all'immigrazione illegale.

Regno Unito, i quasi 14 anni di potere conservatore

Forse logoro, magari stanco dai 14 anni al potere - segnati dall'avvicendarsi di cinque premier, dalla Brexit e da un minore consenso da parte dell'elettorato britannico - il partito conservatore si ritrova adesso coi sondaggi a sfavore.

La forbice tra Tories e laburisti si attesta tra le 15 e le 25 lunghezze: una stima che, se confermata, darebbe all'opposizione attuale una cospicua maggioranza. Sunak, che ha detto ai giornalisti che le urne saranno aperte nel 2024, cercherà di sfruttare i mesi a venire per tamponare l'emorragia di consensi.

La leadership dei laburisti

Il volto della rinascita laburista è quello di Keir Starmer, segretario dal 2020 dopo l'uscita di scena di Jeremy Corbin, eletto con più del 55% delle preferenze alle primarie.

Avvocato dei diritti umani, 61 anni, Starmer ha costruito la sua opa (eventuale) al governo sul malcontento dei britannici in un momento critico per il Paeseo e sulla mano tesa agli elettori centristi nella fila dei conservatori, a cui il leader democratico bussa alla porta per fare sue le elezioni.

Anche sulle questioni internazionali, Starmer sembra giocare meglio le sue carte:il segretario laburista ha infatti ''ripulito'' il partito dalle derive/accuse di antisemitismo, che venivano associate al suo predecessore Corbyn. Ma il no di Starmer al cessate il fuoco a Gaza ha, in egual misura, alimentato il dissenso nell'ala dei laburisti più filopalestinese.  

Nel post di X Starmer mostra di essere già in campagna elettorale con lo slogan "credo che il Regno Unito possa riavere indietro il suo futuro".

In corsa ci sono anche i  liberaldemocratici, che si propongono di diventare la terza forza del Paese, superando lo Scottish national party. 

La sfida a destra

A destra i conservatori devono invece vedersela con Reform Uk, il partito di Nigel Farage, ex leader dell’UKIP e del partito della Brexit, che sembra aver superato nei sondaggi la soglia del 10%.

Tra gli imperativi del Reform Uk il giro di vite all'immigrazione clandestina e misure più blande in materia di ambientale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rishi Sunak si scusa con le famiglie delle vittime del Covid-19 davanti alla commissione d'inchiesta

Sunak solidale con Israele ma "Palestinesi sono vittime delle azioni di Hamas".

Londra, nuove banconote con l'immagine di re Carlo III