Traffico di ossicodone verso gli Usa, 6 arresti e 2 ricercati

Rubavano i ricettari negli ospedali, spedite 20mila pastiglie
Rubavano i ricettari negli ospedali, spedite 20mila pastiglie
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PAVIA, 14 DIC - Sei persone sono state arrestate e due sono ricercate con l'accusa di aver creato una rete internazionale di esportazione negli Stati Uniti di ossicodone, un farmaco della classe degli oppioidi usato da decenni negli Usa come stupefacente. Le indagini, iniziate nel maggio 2022, sono state eseguite dai carabinieri di Pavia e del Nas di Cremona, diretti dalla Procura di Pavia. Dall'inchiesta è emerso che la banda rubava ricettari e timbri medici da diversi ospedali (a Bergamo, Lodi, Milano, Voghera oltre al San Matteo di Pavia), per poi falsificare le prescrizioni mediche, presentandosi in almeno 55 farmacie in Lombardia per richiedere il farmaco OxyContin, contenente appunto il principio attivo dell'ossicodone. I carabinieri hanno analizzato circa 10mila ricette concludendo che più di 500 erano state falsificate dalla banda. Gli investigatori hanno accertato la spedizione negli Usa di oltre 20.000 pastiglie per un guadagno di un milione e 600mila dollari e un danno erariale causato allo Stato italiano di 65mila euro. L'ossicodone veniva infatti ottenuto gratuitamente nelle farmacie italiane, grazie alle false ricette, e poi venduto al dettaglio come stupefacente a 80-100 dollari per una pastiglia di 80 mg. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni

Israele in marcia per gli ostaggi: si negozia per tregua con Hamas e sul futuro di Gaza

Elezioni in Portogallo: attivista per il clima lancia vernice contro il leader del Psd