Monsignor Delpini, basta paura

'So che fanno in modo che la città funzioni'
'So che fanno in modo che la città funzioni'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 06 DIC - Basta alla "epidemia della paura", per andare avanti serve fiducia. L'arcivescovo di Milano Mario Delpini nel suo tradizionale discorso alla città che quest'anno nel titolo parafrasa una frase di Don Abbondio nei Promessi Sposi (Il coraggio uno se lo può dare) invita a non essere e non lasciarsi irretire dai "seminatori di paure" ma di diventare "seminatori di fiducia". "Con la paura - ha ricordato - si invoca l'immunità per difendersi dall'altro. Con la fiducia invochiamo la comunità". "L'umanità - ha aggiunto - merita fiducia". "Io - ha osservato monsignor Delpini - ho fiducia di chi guida i mezzi pubblici. So che mi porteranno a destinazione, Ho fiducia nel panettiere e nel fruttivendolo" e ancora "nelle forze dell'ordine. So che dedicheranno tempo, intelligenza, fatica per garantire ordine e sicurezza e città. Ho fiducia nei sindaci e nel tecnici del Comune, so che fanno in modo che la città funzioni"". La domanda è "ci saranno uomini e donne che aiutano la città a cambiare aria perché sono onesti, sinceri, dediti al bene comune, affidabili nelle parole che dicono, pronti alla responsabilità senza arrivismi?" che "non si curano per prima cosa di rendere attraente la città agli investitori, ma sono convinti che la città avrà un futuro se avrà abitanti, se avrà bambini, se custodirà rapporti di solidarietà, di buon vicinato, di corresponsabilità?". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche