Corridoi umanitari, 62 rifugiati siriani arrivati a Fiumicino

Accolti in varie regioni e accompagnati in percorso integrazione
Accolti in varie regioni e accompagnati in percorso integrazione
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Con i corridoi umanitari sono arrivati questa mattina all'aeroporto di Fiumicino dal Libano 62 rifugiati siriani, tra cui 25 minori, che hanno vissuto a lungo nei campi profughi libanesi e in alloggi precari alla periferia di Beirut. Altri 18 ne arriveranno la prossima settimana, il 6 dicembre, sempre con un volo proveniente dalla capitale libanese. Promossi da Comunità di Sant'Egidio, Federazione delle Chiese evangeliche in Italia e Tavola valdese, in accordo con i Ministeri dell'Interno e degli Esteri, dal febbraio 2016 i Corridoi umanitari hanno portato in salvo in Italia, solo dal Libano, più di 2.700 persone. Complessivamente in Europa con i corridoi umanitari sono giunti oltre 6.700 rifugiati.I nuclei familiari, dopo i controlli di Polizia di Frontiera e il saluto di "Benvenuti in Italia" che verrà dato loro al Terminal 5 dal presidente della Comunità di Sant'Egidio,Marco Impagliazzo, Marta Bernardini, coordinatrice di Mediterranean Hope per la FCEI, Francesco Zito, Direttore Centrale dei servizi civili per l'immigrazione e l'asilo presso il Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del ministero dell'Interno, e Valentina Setta, capo unità dei Visti della Direzione italiani all'estero e immigrazione, in rappresentanza del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, lasceranno quindi l'aeroporto. Saranno successivamente accolti in diverse regioni italiane (Lazio, Toscana, Calabria, Liguria, Umbria, Lombardia, Puglia, Abruzzo, Campania e Piemonte), in parte grazie ai loro parenti, giunti in precedenza con i Corridoi umanitari e ormai bene integrati nel nostro Paese, in parte in case messe a disposizione da famiglie italiane e associazioni che li accompagneranno poi nel percorso di integrazione, grazie all'apprendimento della lingua italiana e, una volta ottenuto lo status di rifugiato, all'inserimento nel mondo del lavoro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, gli agricoltori protestano a Varsavia: "Uscire dal Green Deal dell'Ue"

Ucraina, Russia: conflitto "inevitabile" con la Nato se invia truppe, Roma e Berlino frenano

Maltempo, a Venezia torna l'acqua alta, allagata piazza San Marco