Spagna, spazio alle donne nel nuovo governo di Pedro Sanchez

Il nuovo gabinetto di Pedro Sanchez
Il nuovo gabinetto di Pedro Sanchez Diritti d'autore AFP
Di Greta Ruffino
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il nuovo governo spagnolo vede una partecipazione femminile importante, con quattro vice primo ministro donne e 12 incarichi su 22 gestiti da donne

PUBBLICITÀ

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha presentato il suo nuovo gabinetto e, oltre a molti volti noti, le donne ricoprono ora 12 dei 22 incarichi. 

"Il nuovo governo avrà un marcato accento femminista, con quattro vice primo ministro donna e un numero di ministri donna superiore a quello dei ministri uomini", ha dichiarato Sanchez, che è stato riconfermato primo ministro il 16 novembre scorso in seguito a un controverso accordo di amnistia con il partito indipendentisti catalano, ha mantenuto Nadia Calvino a capo degli Affari economici e Margarita Robles alla Difesa.

Nel 2021 Sanchez ha inserito 14 donne e otto uomini in posizioni ministeriali, portando la rappresentanza femminile al 63,6%. In questo modo, nel 2023 la Spagna sarà il terzo Paese al mondo con il maggior numero di donne in posizioni di governo.

Secondo Un Women, sono solo 13 i Paesi in cui le donne ricoprono il 50% o più delle posizioni di ministri di gabinetto a capo di aree politiche. A livello globale, meno di un ministro di gabinetto su quattro è donna (22,8%).

Il gabinetto includerà nove nuovi ministri, mentre i posti chiave rimarranno invariati - una mossa sorprendente per un premier noto, per i rimpasti inaspettati. Sanchez ha dichiarato che la decisione è stata presa per negoziare più facilmente con gli alleati parlamentari, per approvare le leggi chiave.

Unidas Podemos non avrà alcun ministero

Il Presidente @sanchezcastejon e tutti i ministri del nuovo esecutivo sono già a La Moncloa per tenere la riunione del Consiglio dei Ministri

Calvino, che è in lizza per diventare presidente della Banca europea per gli investimenti, manterrà anche la sua posizione di vice primo ministro. Attualmente sta conducendo i negoziati per un nuovo pacchetto di regole fiscali nella zona euro nell'ambito della presidenza spagnola del Consiglio europeo.

Anche il ministro dell'Energia Teresa Ribera, il ministro del Bilancio Maria Jesus Montero, il ministro degli Esteri Jose Manuel Albares e il ministro del Lavoro Yolanda Diaz, a capo di Sumar, partner minore della coalizione di estrema sinistra, hanno mantenuto il loro posto.

"È una squadra di alto profilo politico per una legislatura di alto profilo politico", ha detto Sánchez. "Sono persone capaci di governare ma anche di trovare accordi". Il partito di Sánchez avrà 17 ministeri e il suo partner di coalizione Sumar (Unire le forze), di sinistra, avrà cinque portafogli. L'ex partner di coalizione di estrema sinistra del governo uscente, Unidas Podemos (Uniti si può), non avrà alcun ministero. L'ex stella del partito, il ministro dell'Uguaglianza Irene Montero, sarà sostituita da Ana Redondo del Partito socialista.

Le proteste della destra per l'amnistia

Sánchez è stato rieletto la scorsa settimana con l'appoggio di 179 legislatori del Parlamento spagnolo, che conta 350 seggi.  Alla sua elezione si sono opposti 171 deputati del Partito Popolare, di centrodestra, e del partito di estrema destra Vox. I due partiti avevano indetto proteste di massa per la proposta di Sanchez di amnistia per centinaia di persone con problemi legali, per il fallito tentativo di secessione della Catalogna nel 2017.

Diverse proteste, organizzate da gruppi di estrema destra vicino alla sede del Partito socialista a Madrid, sono finite in scontri con la polizia. Parlando lunedì, Sánchez ha promesso di "dare priorità al dialogo e al negoziato in una legislatura che sarà fondamentale per la coesione sociale e territoriale della Spagna".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Natale, meno alcol e più amici per i giovani spagnoli

Spagna, continuano le proteste dopo l'investitura di Sánchez

Madrid, proteste e scontri contro l'amnistia alla vigilia del voto di fiducia a Sánchez