EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Spagna, Sánchez in sella grazie ai secessionisti: pronta l'amnistia

Il primo ministro spagnolo Sánchez
Il primo ministro spagnolo Sánchez Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Stefania De Michele
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nuovo mandato per il primo ministro spagnolo Sánchez grazie al sostegno degli indipendentisti catalani, responsabili del tentativo di secessione della Catalogna nel 2017

PUBBLICITÀ

Ancora quattro anni al governo in cambio di un'amnistia.
È il patto che consente al primo ministro spagnolo Pedro Sánchez di riproporsi per un nuovo mandato grazie al sostegno degli indipendentisti catalani, responsabili del tentativo di secessione della Catalogna nel 2017.

Riconfermato alla guida di un Paese più che mai diviso, Sánchez lunedì ha mantenuto al proprio posto la maggior parte dei pesi massimi del governo di fronte a un'opposizione decisa a opporsi alla sua controversa legge sull'amnistia per i secessionisti.

"La Spagna, come l'Europa e il mondo, sta affrontando sfide enormi", ha spiegato il leader socialista, che giovedì ha prestato giuramento in Parlamento.

La squadra di governo

Secondo il premier, il nuovo governo è formato da ministri in grado di "garantire sicurezza e stabilità al Paese": in squadra ci sono ventidue titolari di dicastero, tra cui dodici donne.

Il nuovo esecutivo Sánchez comprende cinque ministri provenienti dalle file di Sumar, la piattaforma di estrema sinistra guidata dalla comunista Yolanda Díaz, con cui i socialisti hanno concluso un accordo di governo, che è stata a sua volta riconfermata al ministero del Lavoro.

Tra i confermati nei loro incarichi figurano il ministro degli Esteri José Manuel Albares, il ministro della Transizione ecologica Teresa Ribera, il ministro della Difesa Margarita Robles e il ministro degli Interni Fernando Grande-Marlaska.

Anche il ministro dell'Economia e vicepresidente uscente Nadia Calviño mantiene il suo portafoglio, in attesa della sua possibile elezione a dicembre alla presidenza della Banca europea per gli investimenti (BEI).

I membri della cerchia ristretta di Sánchez hanno ricevuto maggiori responsabilità, come il ministro del Bilancio Maria Jesus Montero, che ha ereditato una delle quattro vicepresidenze dell'esecutivo.

Felix Bolaños, finora ministro della Presidenza, si trova a capo di un "superministero" allargato al portafoglio della Giustizia: un riconoscimento che arriva dopo aver investito molto tempo e sforzi nei negoziati con il movimento indipendentista catalano.

I membri del governo spagnolo con il premier Sánchez e re Felipe VI
I membri del governo spagnolo con il premier Sánchez e re Felipe VICHEMA MOYA/AFP

"Il governo è una parentesi"

Tra i nuovi membri dell'esecutivo ci sono due amici intimi di Yolanda Diaz, provenienti dal Sumar: Ernest Urtasun, responsabile della Cultura, e Mónica García, anestesista di formazione, che eredita la Sanità.

Tuttavia, il nuovo governo Sánchez non include alcun ministro di Podemos, il gruppo di sinistra radicale con cui il socialista ha governato per tre anni, tra ricorrenti tensioni.

Podemos è ora solo una delle componenti del Sumar e sta cercando di mantenere al meglio la propria autonomia. Il partito, che ha cinque deputati, ha minacciato nel fine settimana di non appoggiare l'esecutivo.

"Podemos non è presente nel governo perché Pedro Sanchez e Yolanda Diaz non lo hanno voluto, né più né meno", ha denunciato lunedì uno dei portavoce del partito, Pablo Fernandez, senza specificare al momento se continuerà a sostenere l'esecutivo.

Il nuovo governo avrà il gravoso compito di calmare il Paese, che sta affrontando forti tensioni in seguito alla decisione di Pedro Sánchez di concedere l'imminente adozione di una legge di amnistia per i separatisti catalani.

Sabato scorso, quasi 170.000 persone hanno manifestato a Madrid in risposta a un appello della destra, accusando Pedro Sánchez di "tradimento".
Da più di due settimane si tengono quotidianamente manifestazioni, talvolta accompagnate da violenze, davanti alla sede del Partito Socialista a Madrid. Questo nuovo esecutivo "è una nave alla deriva che scommette sullo scontro tra gli spagnoli", ha denunciato Borja Semper, portavoce del Partito Popolare (PP), il principale partito di opposizione di destra.

E "sarà solo una parentesi", ha dichiarato al quotidiano El Mundo il leader del PP, Alberto Núñez Feijóo, che si è imposto nelle elezioni di fine luglio ma non è riuscito a salire al potere per mancanza di sostegno in Parlamento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'amnistia agli indipendentisti catalani infiamma anche il Parlamento europeo

Austria, un treno "trasporta - auto" per ridurre le emissioni

Giuseppe Antoci, l'eurodeputato sotto scorta