"Non voglio lasiare la mia casa": I residenti di Kupiansk raccontano la loro vita al fronte

La Croce Rossa ricolloca i residenti di Kupiansk a Kharkiv
La Croce Rossa ricolloca i residenti di Kupiansk a Kharkiv Diritti d'autore Bram Janssen/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I residenti di Kupiansk devono sgomberare la città. Le autorità ucraine hanno emesso un obbligo di evacuazione, ma molte persone non vogliono lasciare la loro casa e le cose che hanno faticato una vita per ottenere

PUBBLICITÀ

Mentre i russi tentano di riprendere la città di Kupiansk vicino al confine russo, la regione è diventata troppo pericolosa per i civili. In risposta agli attacchi missilistici guidati le autorità ucraine hanno ordinato l'evacuazione di alcune aree di Kupiansk e dei villaggi vicini. Sebbene siano considerate obbligatorie, le procedure di sgombero non vengono applicate e alcuni residenti desiderano restare nelle loro abitazioni.

Per coloro che sono pronti ad andarsene, però, vengono ricollocati nella vicinaKharkiv,  città a sua volta regolarmente bombardata dalla Russia.

Disperato è il grido silenzioso di molti residenti che si sono visti cambiare la vita durante il conflitto. Molti di loro hanno perso la casa, altri la famiglia. Alcuni tutto.

Quelli meno sfortunati, però, vorrebbero poter restare nelle loro case come quest'uomo che ha speso la vita a lavorare.

Euronews
Residente vorrebbe ritornare nella sua abitazione a KupianskEuronews

"Ho tanta voglia di tornare a casa. Ho fatto tutto con le mie mani. Anche se la mia casa è piccola, l'ho costruita io. E anche il garage, la cantina e il porcile".

Molti residenti sono rimasti soli. Hanno detto addio ai loro familiari e amici. Alcuni partiti per la guerra e mai ritornati. Altri morti sotto la distruzione.

Euronews
Residente di Kupiansk rimasta sola durante la guerraEuronews

"Sono morti tutti, sono rimasto sola e ho detto che non andrò da nessuna parte. Abbiamo tutto qui: acqua, elettricità, gas. Ma c'è stato un periodo in cui non l'avevamo. Niente acqua o altro, è stato terribile. Ora abbiamo tutto, ma non so se avremo il riscaldamento per l'inverno".

La Croce Rossa fa il possibile per mettere in sicurezza più persone possibili. Ma spesso il loro aiuto non basta. Molte persone non vogliono lasciare le aree pericolose, non vogliono lasciare le loro cose, che hanno faticato per guadagnarsi.

Euronews
Klim, comandante della Croce Rossa per KharkivEuronews

"Penso che i più intelligenti se ne siano già andati. Non capisco perché si debba restare e mettersi in pericolo", ha detto Klim, comandante dell'Unità di risposta rapida della Croce Rossa ucraina per la regione di Kharkiv

"Capisco che alcuni dicano 'ho risparmiato tutta la vita, per un televisore o per alcune cose personali', ma i missili Grad non fanno discriminazioni. La vita non dovrebbe finire così".

Kupiansk è stata una delle prime città ucraine a essere conquistate dalla Russia all'inizio dell'invasione. È stata occupata a febbraio 2022 ma a settembre dello stesso anno è ritornata sotto il controllo dell'Ucraina. La città è un nodo ferroviario chiave nel nord-est del paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bulgaria, tensione con la Chiesa ortodossa russa tra accuse di spionaggio e chiese inaccessibili

Ucraina, Zelensky visita le truppe al fronte

Stop degli Stati Uniti alle armi in Ucraina, diplomazia europea sorpresa