EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Mascherine dalla Cina, chiesto rinvio a giudizio per Pivetti

Difesa: 'Il tribunale di Busto Arsizio non è quello competente'
Difesa: 'Il tribunale di Busto Arsizio non è quello competente'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 05 OTT - La Procura di Busto Arsizio (Varese) chiude le indagini a carico di Irene Pivetti e chiede il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, accusata di frode in forniture pubbliche, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio nell'ambito di una compravendita dalla Cina di mascherine per un valore complessivo di 35 milioni di euro delle quali ne sarebbero state consegnate solo per un valore di 10 milioni ma di qualità scadente, praticamente inutilizzabili, con falso marchio CE. Il tutto è accaduto a Malpensa. La Procura di Busto aveva chiesto l'arresto nel marzo scorso: il Gip di Busto aveva rigettato la richiesta dichiarandosi incompetente. E destinando il processo Roma. Nelle 600 pagine di ordinanza il Pm di Busto Ciro Caramore ha ribadito come il processo, trattandosi di presunto reato commesso a Malpensa, sia da celebrarsi a Busto. Il Riesame ha dato torto a Busto dichiarandosi incompetente nel merito. L'avvocato Filippo Cocco, difensore di Pivetti, spiega: "Prendiamo atto della richiesta di rinvio a giudizio. Il Riesame si è già espresso: quello di Busto non è il Tribunale competente". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

In Qatar fioriscono le iniziative a chilometro zero