EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pozzallo, operativa la prima struttura per richiedenti asilo

Il centro migranti di Pozzallo
Il centro migranti di Pozzallo Diritti d'autore Cecilia Fabiano/LaPresse
Diritti d'autore Cecilia Fabiano/LaPresse
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'obiettivo della nuova struttura di Pozzallo è quello di accelerare le procedure di accertamento per l'esistenza dei presupposti dello status di rifugiato

PUBBLICITÀ

Non senza polemiche, ma alla fine apre la struttura di trattenimento dei richiedenti asilo provenienti da Paesi sicuri, come la Tunisia.
L'hotspot, annunciato nei giorni scorsi dal ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, si trova sulla collina di Pozzallo, nell'ex area industriale del centro del ragusano, 

L'obiettivo è quello di accelerare le procedure di accertamento per l'esistenza dei presupposti dello status di rifugiato, da chiudere entro un mese.

Piantedosi ha definito l'apertura del centro "una scommessa", soprattutto in relazione al fatto che i migranti, pagando 5mila euro, possono evitare l'hotspot.
Il ministro si è affrettato a precisare che la nuova norma non riguarda i cittadini espulsi per irregolarità acclarata nella loro condizione di soggiorno o per pericolosità accertata, che sono quelli destinati ai Centri di permanenza per i rimpatri, i CPR. 

All’interno della struttura di Pozzallo 84 dei 300 posti previsti sono destinati ai migranti che potranno avvalersi del nuovo iter.

Piantedosi ha anche confermato che sarà aperto un CPR in ogni regione d’Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Papa Francesco: "Non lasciate i migranti nelle mani dei trafficanti di uomini"

"L'Europa fa accordi con i dittatori per trattenere i migranti"

Crisi migratoria, la Francia può davvero chiudere la porta ai migranti di Lampedusa?