EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Arrestato Cacciapuoti, boss di Villaricca

Da tempo latitante. Complimenti di Piantedosi ai carabinieri
Da tempo latitante. Complimenti di Piantedosi ai carabinieri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 24 AGO - Arrestato dai carabinieri Luigi Cacciapuoti, il boss di Villaricca condannato a 15 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso e latitante da tempo. A darne notizia lo stesso ministro dell'Interno matteo Piantedosi, che si è complimentato per l'operazione condotta oggi dai carabinieri a Giugliano in Campania, nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Dda di Napoli. "Proseguono gli arresti di pericolosi latitanti, frutto delle capacità operative e dell'impegno delle donne e degli uomini delle forze dell'ordine, al lavoro ogni giorno, nei più diversi scenari, per garantire la sicurezza dei cittadini e l'ordine pubblico. A tutti loro va il mio ringraziamento", ha detto Piantedosi. Il clan 'bicefalo' Ferrara-Cacciapuoti di Villaricca, comune dell'hinterland di Napoli, storicamente rientra (con quello Nuvoletta di Marano di Napoli e dei Casalesi) nel cartello camorristico denominato Nuova famiglia, collegato all'ala corleonese di Cosa Nostra e militarmente contrapposto alla Nco, capeggiata dal defunto Raffaele Cutolo. Con gli anni, poi, gli assetti e il modo di operare sono cambiati e il clan di Villaricca ha sempre più sviluppato la sua vocazione imprenditoriale, nel settore dell'edilizia, della ristorazione, della commercializzazione di generi alimentari e, in particolare, degli idrocarburi. Un duro colpo al clan Ferrara-Cacciapuoti è stato assestato all'inizio dello scorso mese di giugno quando Carabinieri e Gdf, coordinati dalla Dda, hanno notificato 19 arresti. Il clan, è emerso, sviluppava un ricco volume d'affari, come dimostrato dal 'business' delle undici società sequestrate - 16 milioni all'anno - ma anche dall'alto tenore di vita degli affiliati. Luigi Cacciapuoti è considerato elemento di vertice dell'organizzazione camorristica, che vantava ottimi rapporti, anche d'affari, con federazioni criminali di rango come l'Alleanza di Secondigliano e, come detto, il clan dei Casalesi. Accanto all'imprenditoria il clan di Villaricca gestiva anche il traffico di droga, le estorsioni e aveva un'importante disponibilita' di armi. Infatti se a occuparsi degli affari, hanno evidenziato le indagini, erano i Ferrara, ai Cacciapuoti invece era stata delegata l'ala militare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 21 giugno - Pomeridiane

Altri 2 soldati israeliani uccisi a Gaza: bilancio delle vittime dell'Idf oltre 300

Putin: "Mosca valuta revisioni della dottrina nucleare"