EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Rigettata la richiesta di confisca dei beni per gli Iaquinta

Il calciatore: 'E' emersa la piena legittimità dei miei redditi'
Il calciatore: 'E' emersa la piena legittimità dei miei redditi'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 03 AGO - Il tribunale di Bologna ha rigettato la richiesta di confisca avanzata dalla Dda relativamente a beni di Giuseppe, Vincenzo e Adele Iaquinta. "Grande soddisfazione" è stata espressa dall'ex calciatore della Juve e della nazionale campione del mondo. "La decisione del Tribunale di Bologna - ha detto l'ex attaccante - ha permesso di fare emergere la piena legittimità di tutte le mie fonti reddituali. Il patrimonio della nostra famiglia è frutto del nostro lavoro e vorremmo che finalmente il nostro nome non venisse più associato a situazioni che in realtà nulla hanno a che vedere con la condotta di vita da sempre corretta". Il Tribunale delle Misure di Prevenzione ha sciolto la riserva dopo un'udienza del 13 giugno e ha conseguentemente disposto la revoca del sequestro e la restituzione dei beni, nel procedimento finalizzato all'applicazione della sorveglianza speciale nei confronti di Giuseppe Iaquinta (imprenditore condannato nel processo di 'Ndrangheta 'Aemilia' per associazione mafiosa), padre dell'ex bomber, alla confisca dei beni nella disponibilità del medesimo ed acquisiti nel periodo di pericolosità sociale, e dei terzi Vincenzo e della sorella Adele Iaquinta. A febbraio 2022 la Dia sequestrò circa dieci milioni. Il professor Vincenzo Maiello e il professor Tommaso Guerini, che assistono Giuseppe Iaquinta, padre del calciatore, hanno espresso "grande soddisfazione per un provvedimento corretto ed equilibrato, che restituisce a Giuseppe Iaquinta la sua storia di imprenditore, sgombrando il campo da qualsiasi ipotesi di arricchimento illecito e con il quale il Tribunale di Bologna ha dimostrato una grande sensibilità per il rispetto delle garanzie difensive, non sempre comune nel procedimento di prevenzione". Plaudono anche gli avvocati Tommaso Rotella, che assiste Vincenzo Iaquinta, e Roberto Ricco, che assiste Adele Iaquinta: "Abbiamo apprezzato il lavoro del Tribunale, che ha voluto approfondire ogni minimo movimento e questo rende il provvedimento ancora più chiaro ed incontestabile". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania-Scozia 5 a 1, i padroni di casa vincono il match di apertura degli Europei Uefa 2024

Ucraina, Stoltenberg: "Ancora non c'è accordo sui finanziamenti a lungo termine"

Le notizie del giorno | 14 giugno - Serale