EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Gdf sequestra beni a Cazzaniga e Taroni

Su disposizione della Corte dei Conti della Lombardia
Su disposizione della Corte dei Conti della Lombardia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 31 LUG - Un sequestro di beni per "danno erariale" è stato eseguito dalla Gdf di Como a carico di Leonardo Cazzaniga, l'ex vice primario del pronto soccorso dell'ospedale di Saronno, in provincia di Varese, accusato di aver somministrato farmaci letali a diversi pazienti tra il 2011 e il 2014 e dell'ex amante Laura Taroni, infermeria del medesimo ospedale, separatamente giudicata e condannata a 30 anni di reclusione in appello in un altro filone processuale. Al termine dell'attività investigativa "la Procura Regionale della Corte dei Conti ha quantificato in € 900.000 in capo all'infermiera e in € 2.253.872,28 nei confronti del medico il danno erariale complessivamente cagionato, importi per i quali è stato disposto ed eseguito il sequestro conservativo, alla luce del fondato timore di attenuazione della garanzia del credito erariale". "Gli approfondimenti ispettivi svolti - ha spiegato la Gdf - hanno permesso di acclarare come, sulla base del vincolo di dipendenza dei due soggetti con l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale, le condotte contestate in ambito penale agli imputati abbiano generato una duplice responsabilità erariale in danno dell'Asst Valle Olona: i risarcimenti che l'ospedale ha dovuto pagare agli eredi dei pazienti deceduti, e il danno all'immagine derivato dal discredito gettato sulla struttura". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La notte di mezza estate: origine, adattamento cristiano e celebrazioni in tutto il mondo

Grecia: gli esperti mettono in guardia i turisti dai rischi delle ondate di calore

Russia: un anno fa l'ammutinamento del capo della Wagner Yevgeny Prigozhin