EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Revocata confisca a Bari, restituiti beni per 10 milioni

Erano stati sequestrati nel 2003 a Mario Coluccia
Erano stati sequestrati nel 2003 a Mario Coluccia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 29 LUG - Beni immobili e quote societarie per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro, sequestrati nel 2003 e confiscati nel 2009, vengono restituiti ai legittimi proprietari dopo che la Corte d'appello di Bari ha revocato il decreto di confisca emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Bari. La sentenza d'appello, che ha capovolto quella di rigetto della revoca della confisca emessa dal Tribunale nel 2022, è diventata definitiva dopo che la Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso del procuratore generale. I beni erano di proprietà di Mario Coluccia, di 58 anni, del quale si sono perse le tracce nell'aprile 2003, all'epoca ritenuto vicino al gruppo criminale che fa capo alla famiglia Fornelli. Tra i beni che stanno per essere restituiti alla moglie Nicoletta Fornelli, curatrice dello scomparso Coluccia, vi sono sette appartamenti a Bari in via Amendola e in via Fanelli, sette locali commerciali a Bari e Foggia, tra cui un capannone industriale, due ville nel complesso residenziale di Rosa Marina nel Brindisino, due palazzine a Casamassima (Bari) e un appartamento a Lecce. Secondo il ricorso presentato dal legale di Nicoletta Fornelli, avv.Francesco Racanelli, e accolto dai giudici di secondo grado, l'annullamento della misura personale dell'obbligo di soggiorno e della confisca va riconosciuto perchè Coluccia, in quanto scomparso, non ha potuto non ha mai ricevuto la notifica si alcun atto e non ha mai potuto difendersi e non si può procedere nei confronti di un soggetto che risulta essere inesistente. L'illegittimità del provvedimento di confisca, quindi, è 'ab origine' perché nè il provvedimento di sequestro preventivo del novembre 2003 (emesso sette mesi dopo la scomparsa) né la confisca del novembre 2009 sono stati notificati all'interessato per il quale è in corso la dichiarazione di morte presunta. Questo errore logico ha viziato l'intero provvedimento di confisca che è stato ritenuto dai giudici "illegittimo ab origine". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, Scholz: gestire meglio rimpatri, scuse a Varsavia per migranti afgani lasciati al confine

Putin a colloquio con Kim Jong-un in Corea del Nord, verso la firma dell'accordo per il partenariato

Le notizie del giorno | 19 giugno - Mattino