EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Germania, gli insegnanti che hanno denunciato il nazismo a scuola si dimettono

Gli insegnanti Max Teske e Laura Nickel hanno cercato di contrastare le attività di estrema destra degli studenti del liceo della loro piccola città
Gli insegnanti Max Teske e Laura Nickel hanno cercato di contrastare le attività di estrema destra degli studenti del liceo della loro piccola città Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Gli insegnanti che hanno denunciato comportamenti filo-nazisti in una scuola tedesca hanno dovuto lasciare la città

PUBBLICITÀ

Due insegnanti della Germania orientale hanno cercato di contrastare i comportamenti degli studenti del loro liceo, improntati a metodi tipici dell'estrema destra. Hanno cercato di convincere i bulli che minacciavano di picchiare i compagni immigrati. Hanno tenuto lezioni sul passato nazista del loro Paese. Hanno invitato un rapper nero a parlare di rispetto reciproco.

Saluti nazisti e svastiche nella scuola Mina Witkojc di Burg

Niente di tutto questo, però, è bastato. Disperati, Laura Nickel e Max Teske hanno per questo scritto una lettera aperta per descrivere l'atmosfera di intimidazione che regna nella scuola Mina Witkojc di Burg. Hanno riferito di studenti che si salutano con il saluto nazista, incidono svastiche sui loro banchi e suonano musica con testi razzisti nei corridoi.

"I docenti e gli alunni che combattono apertamente contro studenti e insegnanti di estrema destra temono per la loro sicurezza", hanno dichiarato i due nella lettera inviata ai giornali locali, aggiungendo che le scuole "non possono ospitare nemici della democrazia".

Nickel, che insegna inglese e storia, e Teske, insegnante di matematica e geografia, non erano preparati al contraccolpo. Una lettera di un gruppo anonimo di genitori ha chiesto il loro licenziamento. Adesivi con le loro foto e la scritta "Vattene a Berlino" hanno riempito i lampioni vicino al campus. Sui social network, qualcuno ha dichiarato di volerli "cacciare".

AP Photo/Markus Schreiber
Gli adesivi affissi sui lampioni per attaccare i due insegnanti che si battono contro l'estrema destraAP Photo/Markus Schreiber

Le dimissioni dei due insegnanti

Sconfortati dalla mancanza di sostegno da parte dei colleghi, del preside e degli amministratori locali, Nickel e Teske hanno annunciato di voler lasciare la scuola e la città situata a 116 chilometri a Sud-Est di Berlino. "Dichiarazioni, azioni e slogan estremisti di estrema destra, omofobia e sessismo erano e sono all'ordine del giorno in questa scuola", hanno dichiarato Nickel, 34 anni, che ha lavorato a Mina Witkojc per quattro anni, in un'intervista congiunta con Teske, 31 anni, che vi ha insegnato per tre anni.

Né la scuola né l'autorità scolastica locale hanno risposto alle richieste di commento sulle dimissioni degli insegnanti. Ma l'esperienza di Teske e Nickel ha suscitato nella capitale tedesca il timore che l'estrema destra abbia preso piede in alcune zone dell'ex Germania dell'Est più di quanto si pensasse.

Gli esperti sostengono che soprattutto nel Sud del Brandeburgo, dove si trova Burg, una rete di negozi di tatuaggi, locali notturni, gruppi giovanili e fan club della squadra di calcio FC Energie Cottbus diffondono messaggi del partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD).

I giovani dell'AfD posti sotto vigilanza dalle autorità

All'inizio di questo mese, il servizio di intelligence interna del Brandeburgo ha posto sotto sorveglianza ufficiale la Giovane Alternativa per la Germania, il movimento giovanile dell'AfD, per ragazzi di età superiore ai 14 anni, in quanto gruppo di "comprovato estremismo di destra". Il ministero dell'Istruzione, criticato per non aver sostenuto a sufficienza gli insegnanti, ha annunciato la settimana scorsa che le autorità hanno identificato un adolescente sospettato di aver originariamente pubblicato il post "cacciateli" su Instagram.

Il direttore esecutivo della Fondazione Amadeu Antonio, Timo Reinfrank, la cui organizzazione promuove i diritti umani e lavora contro l'estremismo di destra, il razzismo e l'antisemitismo in Germania, ha dichiarato che il Sud del Brandeburgo è diventato "una zona nella quale regna la paura e che i nazisti hanno dichiarato come loro area di residenza".

Reinfrank afferma che non si tratta di una sorpresa per chi conosce la regione, nella quale l'estrema destra era attiva anche prima della fondazione dell'AfD, un decennio fa. La fondazione che dirige è stata intitolata a un lavoratore angolano a contratto che nel 1990 fu ucciso da 50 giovani con mazze da baseball in cerca di neri da attaccare nella città brandeburghese di Eberswalde.

L'AfD è stato fondato nel 2013 ed è entrato per la prima volta nel parlamento tedesco quattro anni più tardi, dopo una campagna elettorale centrata su proposte anti-migranti. Recenti sondaggi mostrano come il partito goda di un sostegno record a livello nazionale, attorno al 20%.

Le ragioni del suo particolare appeal nella Germania orientale sono molteplici. Molti hanno perso il lavoro dopo la riunificazione della Germania e i residenti parlano ancora di sentirsi cittadini di serie B rispetto all'ovest del Paese. Secondo gli esperti, l'AfD ha sfruttato la pandemia e l'afflusso di rifugiati ucraini come opportunità per promuovere una narrativa del "noi contro loro".

Molti pensano che il partito possa "sfondare" nel Brandeburgo, così come in Sassonia e Turingia, alle elezioni previste per il prossimo anno. In Turingia, il mese scorso il candidato dell'AfD ha vinto il posto di amministratore della provincia del Sonneberg: è la prima volta dall'epoca nazista che un partito di estrema destra si piazza al primo posto a livello locale.

L'AfD ha esultato dopo la partenza dei due insegnanti

Dopo l'annuncio del ritiro degli insegnanti, il responsabile dell'AfD di Cottbus, la seconda città del Brandeburgo, ha esultato su Twitter per la scomparsa di Teske, definito un "informatore radicale di sinistra", e della sua "complice". La polizia sta indagando sulle minacce. Quando Teske esce, spesso controlla se qualcuno lo stia seguendo. Di recente, un uomo gli si è avvicinato in un negozio e gli ha sussurrato all'orecchio: "Vattene da qui".

Denunciando le condizioni disastrose della scuola, lui e Nickel hanno scatenato un dibattito nazionale sull'ascesa dell'estrema destra in Germania. Una discussione di cui c'è molto bisogno, ha detto Teske: "Continueremo a far sentire la nostra voce, continueremo ad avere un impatto politico e non lasceremo che l'estrema destra vinca", ha detto. "La storia si ripete e credo che dobbiamo assolutamente fare qualcosa ora per porre fine ai partiti antidemocratici in Germania", ha aggiunto Nickel.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La casa di Hitler, diventerà una stazione di polizia. Le proteste: "Memoria per l'Olocausto"

Gli studenti europei tornano a scuola

Accordo tra Tottenham e Bayern per l'acquisto del capocannoniere Harry Kane per 100 milioni di euro