EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Democrazia ed estremismo: la Germania dovrebbe bandire l'AfD?

Afd in Germany 2023
Afd in Germany 2023 Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Giulia CarbonaroNicolò Arpinati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In una sentenza dello scorso anno, un tribunale tedesco ha stabilito che il partito di estrema destra è una minaccia per la democrazia, consentendo dunque la sua sorveglianza da parte dei servizi di sicurezza del Paese.

PUBBLICITÀ

Un recente studio dell'Istituto tedesco per i diritti umani ha messo sotto i riflettori il partito politico di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD), interrogandosi sulla possibilità e l’opportunità di dichiararlo fuorilegge.

Pubblicato il 7 giugno, lo studio afferma che l'AfD rappresenta un tale pericolo per l'ordine democratico del Paese "che potrebbe essere messo al bando dalla Corte costituzionale federale".

L'AfD può essere legalmente bandito perché i suoi obiettivi espliciti sono "eliminare il libero ordine democratico di base" e "abolire la garanzia della dignità umana" sancita dalla Costituzione tedesca, sostiene l'istituto.

Fondato nel 2013, l'AfD è stato accusato di avere tendenze antidemocratiche, anche se ufficialmente sostiene la democrazia in Germania.

Euronews ha chiesto un commento al partito.

La messa al bando dell'AfD è già stata ventilata in Germania. L'anno scorso un tribunale ha stabilito che il partito deve essere considerato una potenziale minaccia alla democrazia, aprendo la strada alla sorveglianza da parte dei servizi di sicurezza nazionali.

All'inizio di quest'anno, la Germania ha deciso di etichettare l'ala giovanile dell'AfD, la Giovane Alternativa per la Germania, come gruppo estremista. L'accusa formale di estremismo è il massimo che il Paese può fare senza emettere un vero e proprio divieto.

I servizi segreti nazionali hanno anche etichettato la sezione del partito nello Stato della Turingia come gruppo estremista di destra. All'inizio di questa settimana, il suo leader Björn Höcke è stato accusato di aver usato di proposito uno slogan nazista durante un evento della campagna per il 2021.

Ma mentre lo studio dell'Istituto tedesco per i diritti umani ha riacceso il dibattito sulla messa al bando del partito in Germania, AfD ha approfittato della situazione, trasformando la condanna in una chiamata alle armi per i suoi sostenitori.

Il partito di estrema destra - che si oppone all'Islam, all'immigrazione e all'UE - sta preoccupando la classe politica tedesca, con un sostegno che è passato dal 10% dello scorso giugno al 18% attuale, secondo il sondaggio di Politico.

Un grande ritorno di fiamma

Secondo Una Ivona Titz, giornalista e ricercatrice presso la Fondazione Amadeu Antonio, un gruppo che si occupa di estremismo e di estrema destra, la proposta di vietare l'AfD si è "ritorta contro di noi in modo massiccio perché l'AfD si è presa la responsabilità di dipingere un'immagine diversa nei media".

"In questo momento stanno raccogliendo molto sostegno su Telegram perché stanno radunando i loro sostenitori e si stanno dipingendo come un partito perseguitato all'interno di un sistema ingiusto che stanno combattendo dall'interno", ha detto a Euronews.

Mentre lo studio mirava ad aumentare la consapevolezza della minaccia rappresentata dall'AfD, "quello che vediamo è che li ha incoraggiati e li ha aiutati a rafforzare l'immagine dell'AfD", ha spiegato Titz.

"In Germania ci sono le prossime elezioni in Sassonia e in questo momento l'AfD è intorno al 30%", ha aggiunto. "Temiamo che questo possa rafforzare ulteriormente o che possa portare le persone che sono scettiche o che non votano a votare per l'AfD, perché li percepiscono come una sorta di sfavoriti che vengono trattati ingiustamente".

Nelle ultime elezioni distrettuali a Sonneberg, nel sud della Turingia, lo scorso fine settimana, Robert Stuhlmann dell'AfD ha ottenuto il 46,7% dei voti, più di tutti gli altri candidati, ma non abbastanza per evitare il ballottaggio, previsto per il 25 giugno.

Precedenti tentativi di mettere al bando un partito eletto in Germania sono falliti e si sono ritorti contro i suoi organizzatori: nel 2017, un tentativo di mettere al bando il partito di estrema destra NPD è stato respinto dal secondo Senato della Corte costituzionale federale.

Anche i politici sembrano essere cauti nel proporre di mettere al bando l'AfD.

"Lo studio ha preso piede come dibattito online ed è stato poi ripreso da politici dell'intero spettro politico", ha detto Titz. "Così ci sono stati politici della CDU, della SBT e della sinistra che hanno boicottato la proposta di divieto o sono stati scettici nei confronti del divieto perché lo hanno visto come un tentativo fuori luogo".

PUBBLICITÀ

"Per esempio, Sebastian Hoffmann [della SPD] ha parlato dell'AfD come di un partito anticostituzionale, ma, d'altra parte, vede l'obiettivo primario della politica nel mettere l'AfD in una sorta di limbo politico in cui non sia più eleggibile e quindi evitare un divieto."

Un dilemma impossibile

L'idea di mettere al bando un partito non è solo politicamente rischiosa, ma pone anche un dilemma morale per molti. Come ha affermato il professore di Princeton Jan-Werner Mueller in un articolo del 2013, le democrazie sono "dannate se lo fanno, dannate se non lo fanno".

Se da un lato vietare un partito popolare può minare i pilastri della democrazia, dall'altro lasciare un Paese esposto alla minaccia dell'estremismo può essere pericoloso e "alla fine non lasciare alcuna democrazia da difendere".

Per questo motivo i Paesi hanno generalmente evitato di vietare i partiti estremisti e hanno esplorato approcci diversi.

PUBBLICITÀ

"C'è uno spettro di quanto lo Stato possa spingersi in profondità per agire contro i gruppi estremisti", ha detto a Euronews Lorenzo Vidino, direttore del Programma sull'Estremismo della George Washington University. "E questo si basa su storie diverse, su approcci costituzionali, sociali e culturali diversi".

"Non c'è un modo giusto o sbagliato"

Da un lato dello spettro, Vidino ha indicato l'approccio degli Stati Uniti, che si basa "su un'estrema tolleranza degli intolleranti", il che significa che i gruppi nazionali considerati estremisti possono essere tollerati.

"Il Ku Klux Klan è legale in America", ha detto. "Possono tenere raduni, bruciare croci - a volte lo fanno. Questo per una serie di ragioni basate sulla Costituzione e sulla libertà di parola". Questi gruppi sono ancora monitorati dallo Stato, "ma è praticamente impossibile vietare un gruppo estremista nazionale in America", ha detto Vidino.

All'altra estremità dello spettro, egli indica Paesi come la Germania. "C'è una tolleranza molto bassa nei confronti dei gruppi estremisti, anche se non direttamente violenti", spiega: "Questo, ovviamente, deriva dalla storia recente della Germania".

Anche nei Paesi in cui i partiti estremisti possono essere banditi, la decisione "non è mai presa alla leggera, per una serie di ragioni", ha detto Vidino.

PUBBLICITÀ

"Prima di tutto, c'è un complicato processo legale. Ma c'è anche un aspetto politico, che porta a chiedersi se poi vietare anche i gruppi estremisti di sinistra, come quelli ambientalisti".

C'è anche una questione pratica, ha detto Vidino. "Se si vieta un gruppo, questo non scompare. L'AfD ha milioni di sostenitori: il problema che pone non si risolve dopo aver messo al bando il partito. Anzi, sciogliendo il partito si potrebbe perdere il controllo che si ha su di esso".

Cosa fare allora?

Vidino ha detto che lo strumento migliore per contrastare i partiti estremisti è il monitoraggio. Ma ce ne sono anche altri.

Secondo Titz, una soluzione che si è dimostrata efficace per indebolire l'appeal dei partiti estremisti di estrema destra come l'AfD è quella di rafforzare l'alfabetizzazione mediatica nei confronti della democrazia, soprattutto in aree come l'ex DDR, nella Germania orientale.

"C'è un alto livello di scetticismo verso la democrazia nel suo complesso, e ciò che aiuta davvero, statisticamente, è investire in programmi proprio lì, e tenerli [AfD] sulle spine per quanto riguarda la loro retorica", ha detto.

PUBBLICITÀ

"Tutto ciò che l'AfD mette in giro deve essere documentato, monitorato e controbilanciato".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania: a un evento di estrema destra il piano per deportare cittadini, presenti membri dell'Afd

Germania: respinto il ricorso di Afd per bloccare il Recovery Fund

Cambio generazionale per AfD, ultradestra che più a destra non si può