EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

A Milano i non residenti in Lombardia pagano la Guardia medica

Giudice Cremona, 'è un dipendete pubblico, deve darli alla Asst'
Giudice Cremona, 'è un dipendete pubblico, deve darli alla Asst'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - La visita alla guardia medica da oggi costerà 20 euro per chi lavora, studia o è in vacanza a Milano ma non è residente in Lombardia. Se poi si chiama il dottore per un controllo a domicilio, la tariffa sale a 35 euro. La notizia è riportata dal 'Corriere della Sera' e, per i sindacati, si tratta di una vittoria attesa da anni. "L'accordo collettivo nazionale del 2005 — ricorda Giovanni Campolongo della sigla Snami — prevede che la continuità assistenziale sia rivolta a chi abita nell'ambito territoriale afferente alla sede di servizio". Da qui la richiesta di un compenso extra per curare i pazienti iscritti al servizio sanitario di un'altra regione o senza iscrizione. Sembra quindi concludersi una vicenda tortuosa - ripercorre il quotidiano - cominciata anni fa quando Regione Lombardia e i sindacati dei medici decisero di evitare il pagamento delle visite dei cittadini non residenti ed eliminarono i compensi extra (di 15 e 25 euro). Per contro, fu aumentata di un euro la tariffa oraria versata a tutti i dottori della continuità assistenziale. Da 22 a 23 euro, tutto compreso. Intervenne la Corte dei conti che ritenne "ingiustificato" quell'euro in più, visto che l'accordo collettivo nazionale del 2005 prevede già una "indennità onnicomprensiva" per i medici. I magistrati contabili calcolano tra il 2007 e il 2015 un danno per le casse regionali di 14 milioni di euro, mentre secondo i tecnici di Palazzo Lombardia e i sindacati quell'accordo ha comportato un risparmio. Nel 2019 l'accordo viene sospeso e i medici iniziano a visitare i non lombardi gratuitamente. Nel 2022, il nuovo accordo nazionale riporta esplicitamente la tariffa extra per i pazienti fuori regione. E su questa base poggia la nuova norma che scatta oggi nel Milanese ed è in vigore in altre Ats. I pazienti dovranno pagare direttamente al medico che li visiterà, tramite pos. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu: annuncio del mandato di arresto della Corte penale internazionale "nuovo antisemitismo"

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Iran in lutto per la morte di Raisi: migliaia di cittadini piangono il presidente