EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Telefonata Zelensky-Erdoğan: "Riaprire il corridoio del grano è una priorità"

Volodymyr Zelensky al telefono con Recep Tayyip Erdoğan. (21.7.2023)
Volodymyr Zelensky al telefono con Recep Tayyip Erdoğan. (21.7.2023) Diritti d'autore Telegram
Diritti d'autore Telegram
Di Cristiano TassinariEuronews World
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Russia, per ora, conferma il proprio ritiro unilaterale dall'accordo: "Il corridoio umanitario del grano sul Mar Nero è stato usato dagli ucraini per organizzare attacchi terroristici, sul ponte di Crimea e a Sebastopoli"

PUBBLICITÀ

Per l'accordo del grano, ridotto ai minimi termini dal ritiro unilaterale deciso dalla Russia, è servita una telefonata urgente tra Volodymyr Zelensky e Recep Tayyip Erdoğan.

I presidenti di Ucraina e Turchia hanno discusso a lungo per rilanciare l'accordo sulle esportazioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero.

Secondo Erdoğan, ottimista, "Putin ci ripenserà". 

Zelensky ha scritto che il mondo potrebbe finire sull'orlo di una crisi alimentare, in seguito alla decisione della Russia di non rispettare più l'accordo: 400 milioni di persone sono a rischio fame, ha aggiunto Zelensky.

"Riaprire il corridorio umanitario per il transito dei cereali è una priorità".
Volodymyr Zelensky
45 anni, presidente dell'Ucraina, dal 2019

La delusione dell'Onu

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha espresso il proprio disappunto per il ritiro russo dall'accordo sul grano.

Il Sottosegretario generale dell'Onu per gli Affari Umanitari, Martin Griffiths, ha dichiarato di essere deluso dall'atteggiamento di Mosca, mentre la Sottosegretaria per gli Affari Politici, Rosemary DiCarlo, ha avvertito del rischio di un impatto alimentare globale e ha espresso preoccupazione dopo i recenti attacchi russi al porto di Odessa e di altre città sul Mar Nero.

"La conferma che la Federazione Russa si è ritirata dall'iniziativa del Mar Nero è stata una immensa delusione per tutti noi".
Martin Griffiths
Segretario generale Onu - Affari Umanitari
Screenshot
Martin Griffiths alle Nazioni Unite.Screenshot
“La nuova ondata di attacchi ai porti ucraini rischia di avere impatti di vasta portata sulla sicurezza alimentare globale, in particolare nei Paesi in via di sviluppo”.
Rosemary DiCarlo
Sottosegretaria generale Onu - Affari Politici
Screenshot
Rosemary DiCarlo all'Onu.Screenshot

La risposta di Mosca

Il vice-ministro degli Esteri russo, Sergey Vershinin, ha dichiarato che il corridoio umanitario del grano sul Mar Nero è stato utilizzato dagli ucraini per organizzare "attacchi terroristici" sul ponte di Crimea e a Sebastopoli.
Per cui, niente più "via libera" alle navi ucraine. 

Screenshot
Sergey Vershinin, vice-ministro russo degli Esteri.Screenshot

Ponte da "neutralizzare"

 Il ponte di Crimea è un obiettivo per le forze armate ucraine e deve essere neutralizzato, perché Mosca lo usa per la guerra.
Lo ha detto Volodymyr Zelensky all**'Aspen Security Forum**, come riportato dall'agenzia di stampa Rbc Ukraine.

Il presidente ucraino ha ricordato che l'obiettivo è liberare la Crimea dai russi, in quanto si tratta "di territorio sovrano del nostro Paese e parte integrante del nostro popolo".

Allo stesso tempo, secondo Zelensky, il ponte di Kerch, in Crimea, non è solo una "piccola strada logistica", poichè viene utilizzato dalle truppe russe per ricevere munizioni e militarizzare l'intera penisola.  

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, bombardati i depositi di grano di Odessa. Prezzo del grano alle stelle

Attacchi a Odessa e alle infrastrutture del grano. Zelensky: "Proteggiamo i porti"

Zelensky da Erdoğan a Istanbul, il presidente turco annuncia le sue ultime elezioni