EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Maltrattamenti in struttura, arrestata la gerente 49enne

La donna, operata all'addome, sarebbe fuori pericolo
La donna, operata all'addome, sarebbe fuori pericolo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RAVENNA, 19 LUG - Una donna di 49 anni gerente di fatto della comunità alloggio e centro diurno 'Vecchia Quercia' di Massa Lombarda, nel Ravennate, è stata arrestata dalla polizia nei giorni scorsi con l'accusa di avere maltrattato alcuni anziani della struttura, in particolare un 80enne non vedente e con problemi cognitivi. Ora, come riportato dai due quotidiani locali, la donna finora incensurata, si trova ai domiciliari nella sua abitazione di Alfonsine, sempre nel Ravennate, così come disposto da un'ordinanza di custodia cautelare del Gip Janos Barlotti. Nell'interrogatorio di garanzia di venerdì, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Il suo avvocato Giorgio Guerra ha chiesto l'applicazione di una misura meno restrittiva. L'inchiesta era partita da una denuncia dei familiari dell'80enne messi in guardia da un paio di operatrici della struttura: una aveva pure realizzato registrazioni tramite WhatsApp. Secondo le indagini di Commissariato di Lugo e squadra Mobile di Ravenna coordinate dal Pm Marilù Gattelli, la 49enne, oltre a schiaffi e urla, in una occasione, mentre dormiva, avrebbe infilato a forza il cucchiaio con la medicina nella gola dell'80enne fino a indurlo ai conati. In un'altra occasione gli avrebbe pure dato una manata sul volto facendolo sanguinare al naso (prognosi di otto giorni) e minacciandolo che lo avrebbe messo in mezzo alla strada, così la prima auto che passava lo avrebbe investito. Urla e strattoni avrebbero coinvolto anche altri anziani. Il Gip, pur delineando il rischio di reiterazione di condotte analoghe, ha escluso fin qui il reato di tortura. In quanto ai motivi del comportamento della donna, è stato inquadrato dal giudice principalmente lo stress: durante la alluvione era rimasta bloccata nella struttura da sola per tre giorni assieme agli anziani. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: in Grecia per la prima volta il voto per corrispondenza

Le notizie del giorno | 28 maggio - Serale

Gaza: nuovo attacco su Rafah, 21 morti, Jihad islamica pubblica video di un ostaggio israeliano