EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Armi ucraine ai cartelli messicani?

Image
Image Diritti d'autore AFP/YURIY DYACHYSHYN
Diritti d'autore AFP/YURIY DYACHYSHYN
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Una terribile fake news che abbiamo smontato

PUBBLICITÀ

Le armi inviate in Ucraina finiscono nelle mani dei cartelli della droga messicani? Questo è quello che dicono alcune persone sui social media. Ma è vero?

Tutto è iniziato quando una presentatrice televisiva messicana ha pubblicato questo video su Twitter dicendo “Nello stato di Tamaulipas, un presunto membro del Cartello del Golfo è stato registrato con una delle armi più esclusive e potenti, un "razzo javelin", che è stato utilizzato durante la guerra in Ucraina per un valore compreso tra 20.000 e 60.000 dollari. "

Ciò ha portato centinaia di utenti di Twitter ad affermare che le armi inviate dalla NATO sono state vendute sul mercato nero a cartelli messicani e altre organizzazioni criminali in tutto il mondo

Queste paure sono state utilizzate come arma da accounts pro-Cremlino. Ma ci sono molti elementi fuorvianti in queste affermazioni

Cosa diceva il servizio giornalistico?

Il segmento televisivo messicano è stato effettivamente tradotto male e il conduttore menziona l'Ucraina solo una volta durante il servizio, senza mai dire che l'arma vista nel video fosse stata contrabbandata da lì.

L'arma è un javelin?

Abbiamo contattato Raytheon Technologies, la società che produce i javelin e questo è quello che ci hanno detto:  “Il video non mostra un javelin, che è di dimensioni e forma diverse. Secondo gli esperti di armi, l'arma nel video è un lanciarazzi AT-4 fabbricato in Svezia

È molto più piccolo del Javelin e meno costoso: circa 1.500 euro rispetto ai 175.000 euro di un Javelin

Un lanciarazzi ucraino potrebbe finire nelle mani di un cartello della droga?

C'è la possibilità che queste armi vengano vendute illegalmente a organizzazioni criminali? Ecco cosa ne pensa un esperto di commercio illegale di armi...

Dice Nils Duquet, esperto di commercio di armi: "È molto, molto improbabile che al momento i cartelli della droga messicani possiedano effettivamente armi provenienti dall'Ucraina. Sappiamo che il traffico di armi è generalmente un fenomeno regionale. Quindi, se c'è traffico al di fuori dell'Ucraina, in realtà comparirebbe prima nei paesi vicini, non immediatamente negli altri continenti. E in realtà non abbiamo visto alcuna prova credibile del traffico di armi da fuoco fuori dall'Ucraina già negli ultimi due anni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Zelensky a Kharkiv: "Situazione difficile", l'avanzata russa procede

Chi è Robert Fico: dal suo ingresso in politica all'attentato che lo ha lasciato in pericolo di vita

Guerra in Ucraina: Kiev attacca regioni russe ma le truppe si ritirano da postazioni a Kharkiv