EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Mazzette per concorsi in Aeronautica, arresti nel Foggiano

In carcere due sottufficiali in servizio ad Amendola
In carcere due sottufficiali in servizio ad Amendola
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FOGGIA, 15 GIU - Un circuito corruttivo volto a condizionare le procedure di selezione per il reclutamento di personale nelle forze armate e nelle forze di polizia è al centro dell'indagine dei carabinieri del raggruppamento operativo speciale che anche in provincia di Foggia, oltre che a Napoli, Roma, Taranto e Benevento, hanno eseguito sei misure cautelari (due in carcere, una ai domiciliari e altre più lievi) nei confronti di sottufficiali e di un ufficiale dell'aeronautica militare e di un dipendente del ministero della Pubblica Istruzione. Le accuse a vario titolo sono di corruzione, traffico di influenze illecite, falso e sostituzione di persona. In carcere sono finiti i sottufficiali foggiani Aldo Caurio, di 48 anni e Gennaro Sorgente di 55 anni, due sottufficiali in servizio presso il 32° Stormo di Amendola, mentre sono stati disposti gli arresti domiciliari per il sottufficiale napoletano Arturo Salza, residente a Roma. Per un ufficiale ed un altro sottufficiale è stata disposta la sospensione per quattro mesi dai pubblici uffici, mentre un dipendente del ministero della Pubblica istruzione è sottoposto all'obbligo di dimora. Tra gli ulteriori indagati figurano anche genitori e parenti di aspiranti candidati a concorsi, un sottufficiale della guardia di finanza, ed un sottufficiale dell'aeronautica militare in congedo. Secondo l'accusa, i due sottufficiali "attraverso i propri contatti ed in cambio di utilità, sfruttando e vantando relazioni esistenti o asserite con pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio addetti al reclutamento, in cambio di denaro, sarebbero riusciti a fornire alcune prove concorsuali in anticipo o intercedere riguardo le votazioni di taluni esami". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja