Gli invitati tardano, la sposa va al museo

Nel Napoletano, matrimonio era previsto in sala adiacente
Nel Napoletano, matrimonio era previsto in sala adiacente
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 19 MAG - Non voleva aspettare gli ospiti nella sala dedicata ai matrimoni, e così una giovane sposa non ha resistito alla tentazione di visitare il nuovo museo multimediale, e vestita di bianco ha posato davanti ai monitor interattivi delle due nuove sale allestite nel complesso museale del Castello Baronale di Acerra (Napoli). Stanno suscitando molto interesse, infatti, le sale del museo multimediale acerrano, dove i visitatori sono catapultati nella storia della città attraverso monitor interattivi. Oggi, oltre ad alcune scolaresche, ha suscitato molta curiosità tra i presenti l'arrivo di una sposa in attesa del matrimonio civile in una delle sale del Castello. In abito bianco, mentre attendeva che giungessero gli ospiti, ha voluto visitare le due sale aperte dal mercoledì alla domenica dalle 9 alle 13, ed il sabato e la domenica anche dalle 17 alle 20. Nelle sale i visitatori possono trovare la storia della città su pannelli animati e a scorrimento, testi digitali e approfondimenti sull'agricoltura, la civiltà contadina, la storia dei reperti e manufatti conservati nel Castello, ed alcuni video dedicati all'eccidio di Acerra del 1943, per il quale la città è stata insignita della medaglia d'oro al merito civile. E' inoltre presente un percorso dedicato alla musica, dove è possibile ascoltare l'evoluzione artistica e le sinfonie realizzate dalla banda di Acerra. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco