EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Israele: ucciso un altro comandante della Jihad islamica. Proposta egiziana per il cessate il fuoco

Fumo denso sul conflitto israelo-palestinese. Un appartamento di Gaza City distrutto da un attacco di Israele. (12.5.2023)
Fumo denso sul conflitto israelo-palestinese. Un appartamento di Gaza City distrutto da un attacco di Israele. (12.5.2023) Diritti d'autore Adel Hana/Copyright 2023, The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Adel Hana/Copyright 2023, The AP. All rights reserved
Di Euronews - Ansa - AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La nuova ondata di violenza - ucciso un altro comandante della Jihad - accelera il percorso diplomatico per il cessate il fuoco: l'Egitto ha presentato una nuova proposta "migliorata", che Israele sta valutando. Ma, secondo fonti palestinesi, non esiste alcuna possibilità di tregua e di dialogo

PUBBLICITÀ

Un sabato mattina di sangue: due uomini palestinesi - armati, secondo l'esercito israeliano - sono stati uccisi durante uno scontro a fuoco nel campo profughi di Balata a Nablus, in Cisgiordania, nel corso di  un'operazione in cui i soldati israeliani hanno circondato un edificio in cui erano barricate le due persone ricercate. 

I due palestinesi sono stati identificati come il 19enne Adnan Wassim Yousef Al-Araj e il 32enne Saed Jihad Shaker Masha, secondo i rapporti arabi che citano il Ministero della Salute palestinese.

**

Escalation senza fine**

Negli ultimi giorni, gli attacchi israeliani hanno ucciso sei figure di spicco della Jihad islamica e colpito 215 obiettivi a Gaza, provocando la reazione, con quasi 900 razzi lanciati contro aree densamente popolate di Israele.

E l'escalation di violenza nei territori non si ferma. 
Venerdì, un attacco aereo israeliano su un palazzo di Gaza City ha ucciso altri due palestinesi.L'esercito di Israele ha dichiarato che il suo obiettivo era l'alto comandante del movimento della Jihad islamica, Ayeed Alhuseni, rimasto ucciso dopo che un aereo ha colpito l'appartamento dove si era rifugiato.

Venerdì, da Gaza sono stati lanciati razzi verso Gerusalemme, facendo scattare le sirene dei raid aerei negli insediamenti israeliani a sud della capitale contesa. La maggior parte dei razzi ha mancato il bersaglio o è stata intercettata dal sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome

In questi giorni, almeno 33 palestinesi sono stati uccisi, secondo il ministero della Salute di Gaza, compresi sei bambini. E 147 feriti. 

Una vittima tra gli israeliani: una donna di 80 anni, morta giovedì all'interno della sua casa, colpita da un missile palestinese nella città di Revohot.   

Adel Hana/Copyright 2023, The AP. All rights reserved
Il palazzo colpito da un attacco israeliano a Gaza City. (12.5.2023)Adel Hana/Copyright 2023, The AP. All rights reserved

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha così twittato: "Continuiamo".

Il leader di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha affermato che stanno monitorando da vicino la situazione a Gaza e che gli attacchi alla leadership del gruppo non scoraggeranno la lotta.

Cessate il fuoco: nuova proposta "migliorata"

La nuova ondata di violenza è stata accolta con appelli internazionali: l'Egitto, storico mediatore del conflitto israelo-palestinese, ha presentato una proposta concreta "migliorata" per il cessate il fuoco, che Israele sta valutando.

Secondo l'emittente Canale 12, la Jihad islamica non chiederebbe più la fine in maniera permanente degli attacchi mirati contro i suoi comandanti militari, né la restituzione del corpo di Khader Adnan, morto in sciopero della fame in un carcere israeliano e che ha dato il via all'attuale situazione.

Sempre secondo la tv, ad opporsi ad una tregua immediata sarebbe l'organizzazione estera della Jihad.

Anche il sito del giornale "Haaretz" ha scritto che l'Egitto ha presentato una nuova proposta di pace, ma - secondo fonti palestinesi - un cessate il fuoco non sarebbe, al momento, in vista.

I media riportano altresì una dichiarazione del Segretario generale della Jihad, Ziad al-Nakhalah, che - parlando con il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian - avrebbe detto che la sua organizzazione non smetterà le sue azioni, finché Israele non accetterà le sue richieste. 

La stessa Unione europea spinge per un "cessate il fuoco completo e immediato".

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA - AP

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Striscia di Gaza, in migliaia protestano contro Hamas

Israele-Gaza: regge a metà la tregua mediata dall'Egitto

Raid notturni di Israele contro obiettivi nella Striscia di Gaza