EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Studio, 'a 1.800 mt di quota si scierà almeno fino al 2050'

Previsione Regione Valle d'Aosta analizza scenari climatici
Previsione Regione Valle d'Aosta analizza scenari climatici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AOSTA, 27 APR - Sino al 2050, secondo tutti gli scenari climatici, in una stazione sciistica con partenza a 1.750 metri, sarà possibile garantire almeno 30 centimetri di neve, naturale e artificiale, durante le due settimane di vacanze natalizie. Nel 2080, invece, si prevede una riduzione a otto giorni - su 14 - in cui poter garantire 30 cm di innevamento in base allo scenario peggiore, che non rispetta i target climatici dell'Unione europea. Lo ha spiegato Luca Franzoso, coordinatore del Dipartimento ambiente della Regione Valle d'Aosta, illustrando delle previsioni svolte con Arpa Vda, durante il convegno 'Le funi del futuro. Il settore degli impianti a fune tra innovazioni e transizioni' organizzato al Pavillon di Skyway Monte Bianco. Per un impianto con partenza a 1.750 metri e arrivo a 2.300 metri, Franzoso ha riferito che il numero di giornate potenziali per la produzione di neve artificiale nel periodo novembre-dicembre avrà "riduzioni limitate (almeno dieci giorni disponibili alle due quote) secondo tutti gli scenari al 2030 e al 2050" mentre, al 2080, secondo la prospettiva peggiore, si verificherà "una riduzione a due terzi dei giorni". L'impatto nel periodo novembre-dicembre sarà di "variazioni limitate dei consumi d'acqua al 2030 e 2050" (-5/+5%) per la stazione di partenza (1.750 metri) dove già attualmente viene prodotta neve artificiale. Alla quota più alta della stazione di arrivo (2.300 metri), dove oggi l'impiego della neve artificiale è minore, "l'aumento dei consumi d'acqua al 2030 e 2050 sarà del 15/20%". Guardando al 2080 per lo scenario peggiore gli "aumenti dei consumi d'acqua saranno compresi tra il 20% e l'80%". Franzoso ha sottolineato che i metri cubi di acqua usati per l'innevamento artificiale in Valle d'Aosta "rappresentano lo 0,1%/0,2% dello stock idrico nivale naturale" nel periodo di riferimento 2007-2022. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran: atterraggio brusco per l'elicottero del presidente Raisi, maltempo complica le ricerche

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede