In calo intimidazioni a giornalisti, 'ma l'attenzione è alta'

Piantedosi presiede riunione del Centro di coordinamento
Piantedosi presiede riunione del Centro di coordinamento
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 06 APR - Sono in calo gli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti: nel 2022 sono stati 111 rispetto ai 232 del 2021, con una diminuzione pari al 52%. Ed il trend è proseguito nei primi due mesi del 2023: 14 gli atti denunciati rispetto ai 28 riferibili allo stesso periodo del 2022. I dati sono stati analizzati nel corso di una riunione al Viminale - presieduta dal ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi - del Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti. "Pur a fronte di una diminuzione dei casi - ha detto Piantedosi - rimane alta l'attenzione delle Istituzioni a difesa dell'attività dei giornalisti, per tutelare la funzione fondamentale svolta dal mondo dell'informazione. Per questo c'è il massimo impegno del Viminale a rafforzare le azioni sul fronte della prevenzione e della repressione di ogni minaccia o intimidazione subita dai giornalisti". Hanno partecipato all'incontro il sottosegretario Nicola Molteni, il capo di Gabinetto Maria Teresa Sempreviva, il capo della Polizia-direttore generale della Pubblica sicurezza Lamberto Giannini, la consigliera segretaria del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti Paola Spadari e il presidente della Federazione nazionale stampa italiana Vittorio Di Trapani. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: il punto sugli aiuti a Gaza, Chico Forti torna in Italia

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas