Trump "scioccato" dalla notizia della sua incriminazione

Una manifestazione contro Donald Trump
Una manifestazione contro Donald Trump Diritti d'autore Bryan Woolston/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex presidente degli Stati Uniti è il primo a dover rispondere di accuse penali nella storia americana

PUBBLICITÀ

Donald Trump si è detto "scioccato" dalla notizia della sua incriminazione, nonostante avesse previsto perfino il suo arresto "sulla base di una fuga di notizie". A riferirlo è stato il suo avvocato Joe Tacopina. Secondo l'ex presidente degli Stati Uniti quella ordita contro di lui sarebbe una "persecuzione politica". 

Mike Pence: "Un processo politico"

La reazione dell'ex vicepresidente Mike Pence è stata identica: "Penso che sia chiaro alla stragrande maggioranza dei cittadini americani che questo non è altro che un processo politico condotto da un procuratore distrettuale di Manhattan che ha fatto un'autentica campagna per accusare un americano in particolare".

Trump è diventato così il primo ex presidente degli Stati Uniti a doversi difendere da accuse penali. Il presidente Joe Biden non ha voluto commentare.

Trump potrebbe comparire in tribunale martedì 4 aprile

Nonostante le vicende giudiziarie, Donald Trump ha da tempo annunciato che si ricandiderà alla Casa Bianca nel 2024. Il miliardario americano è accusato di aver corrisposto un'ingente somma di denaro ad una pornostar, durante la campagna elettorale del 2016, in cambio del suo silenzio su una presunta relazione tra i due. 

L'udienza  per Trump è stata fissata per le 14.15 ora locale (le 20.15 in Italia) di martedì in cui l'ex presidente dovrà presentarsi in persona.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump si dichiara non colpevole al processo per i pagamenti illeciti a Stormy Daniels

Trump preannuncia il suo arresto martedì e invita i seguaci a manifestare

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni