EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Mandato d'arresto per Putin: "Decisione storica" per Zelensky, Biden e Ue. Mosca: "Carta straccia"

Putin all'angolo? (Mosca, 17.3.2023)
Putin all'angolo? (Mosca, 17.3.2023) Diritti d'autore AP/Sputnik
Diritti d'autore AP/Sputnik
Di Euronews - AP - Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Russia nega di aver compiuto deportazione di bambini ucraini, respinge ogni accusa di crimini di guerra e attacchi alle infrastrutture civili e considera la decisione della Corte penale internazionale "oltraggiosa e inaccettabile"

PUBBLICITÀ

"Putin deve soltanto fare un passo fuori dalla Russia e si troverà a utilizzare la carta igienica della prigione dell'Aia. Se credo davvero che Putin si farà arrestare? Un fatto è certo: da oggi la sua vita da capo dello Stato diventa difficile. Gli sarà inibito qualsiasi vertice internazionale. È innegabile che la richiesta di arresto incrina irrimediabilmente la sua immagine pubblica. Oggi in Russia lui è il presidente, ma è chiaro che i gravissimi reati che gli vengono contestati possono giocare anche politicamente contro di lui".

Martial Trezzini/AP
Carla Del Ponte, nella sede Onu di Ginevra.Martial Trezzini/AP

Lo dice, in un'intervista a La Repubblica, l'ex procuratrice dell'Aia, Carla Del Ponte, protagonista del processo a Slobodan Milosevic.
"Putin vuole sradicare l'identità di un popolo e quindi deve risponderne penalmente", aggiunge l'ex procuratrice. 

"Decisione storica"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato la Corte penale internazionale, che ha sede a L'Aia (Paesi Bassi), per aver emesso venerdì un mandato d'arresto per Vladimir Putin, definendola una "decisione storica".

Tratta di bambini ucraini

La Corte penale internazionale ha emesso il mandato di arresto per il presidente russo con l'accusa di crimini di guerra per la deportazione forzata in Russia di bambini ucraini dalle aree conquistate durante la guerra in Ucraina. 

Un'inchiesta del network di giornalismo investigativo dell'Ebu (European Broadcasting Union) rivela che molti di questi bambini, provenienti dal Donbass, appartengono a una famiglia e sono stati portati in Russia con l'inganno o senza il loro consenso.

Un altro mandato di arresto è stato emesso dalla Corte penale internazionale per Maria Alekseyevna Lvova-Belova, commissario per i diritti dei bambini presso l'ufficio del presidente della Federazione Russa, per accuse simili.

"Questa è una decisione storica che porterà a responsabilità storiche. Il capo di uno stato terrorista e un altro funzionario russo sono diventati ufficialmente sospettati di un crimine di guerra: la deportazione di bambini ucraini. Il trasferimento illegale di migliaia di nostri bambini nel territorio di uno stato terrorista.
Ringrazio tutto il team del Procuratore Karim Khan per il lavoro svolto".
Volodymyr Zelensky
44 anni, presidente dell'Ucraina, dal 2019
Screenshot Video
Zelensky durante il suo quotidiano messaggio sui social.Screenshot Video

Gli Stati Uniti, da parte loro, "non hanno dubbi" sul fatto che la Russia stia commettendo crimini di guerra in Ucraina e sostengono che i dirigenti russi siano "responsabili".

Anche L'Unione europea ha accolto con favore il mandato d'arresto della Corte penale internazionale. 

"Questa è una decisione importante della giustizia internazionale e per il popolo ucraino. all'Unione europea abbiamo sempre detto che i responsabili dell'aggressione illegale contro l'Ucraina devono essere assicurati alla giustizia".
Josep Borrell
75 anni, Alto Rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri
Screenshot Video
Borrell commenta la decisione della Corte penale internazionale.Screenshot Video

Mosca: "Decisione che non vale nulla"

La Russia nega di aver commesso tali crimini, respinge ogni accusa di atrocità e attacchi alle infrastrutture civili e considera la decisione della Corte "oltraggiosa e inaccettabile".
Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha osservato che la Russia non riconosce la giurisdizione della Corte penale internazionale e considera "qualsiasi decisione nulla dal punto di vista della legge".

Euronews racconta: dove sono i bambini ucraini dispersi?

Servizio del 14 febbraio 2023.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin: dopo la Crimea, guida per le strade di Mariupol per una "visita di lavoro"

Putin e Assad amici nonostante tutto

Ucraina: Igor Salikov, l'ex ufficiale russo pronto a rivelare i crimini di guerra