Ucraina: da Piacenza va a combattere, morto al fronte

In Italia da più di vent'anni, era partito come volontario
In Italia da più di vent'anni, era partito come volontario
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 02 MAR - Dal 2000, quando era un adolescente, si era stabilito con la madre a Piacenza, dove aveva trovato lavoro prima nella logistica, poi come autotrasportatore e dove aveva costruito la sua famiglia, con due figlie nate in Italia. Ma quando la Russia ha invaso il suo paese Bohdan Bodak, 39 anni, è partito come volontario per l'Ucraina. E' morto il 20 gennaio, colpito da un razzo russo al fronte del Donbass ed è sepolto, dopo i funerali di Stato, al cimitero di Leopoli. E' la storia che racconta Libertà, il quotidiano di Piacenza. Bohdan non aveva mai preso un'arma in mano e non aveva nemmeno fatto il servizio militare, fino al 24 febbraio 2022, la sua vita scorreva normalissima, fra lavoro e famiglia. "E' come se avesse sentito il richiamo della sua patria in difficoltà - racconta a Libertà la moglie Natalia - all'inizio non ho accettato questa sua scelta, spero che la guerra finisca per andare con le nostre figlie a festeggiare la vittoria dell'Ucraina sulla sua tomba, per noi è un eroe". Dopo pochi giorni dall'inizio della guerra Bohdan ha lasciato il suo lavoro ed è partito per l'Ucraina dove, dopo un periodo di addestramento e nei reparti logistici, si è trovato a combattere nelle prime linee. A novembre è rimasto ferito a Kramatorsk, nel Donbass. Dopo un periodo di ricovero e riabilitazione è tornato a combattere, fino al 20 gennaio quando un razzo lo ha inesorabilmente colpito. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, vicino a Bakhmut campi minati e barriere anticarro per frenare l'avanzata russa

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa