EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Stati-membri chiedono: "Fuori la Russia dall'Osce"

Image
Image Diritti d'autore ALEX HALADA/AFP or licensors
Diritti d'autore ALEX HALADA/AFP or licensors
Di Johannes Pleschberger
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Austria obbligata a invitare Mosca alle riunioni dell'organizzazione

PUBBLICITÀ

La decisione dell'Austria di consentire ai russi di recarsi all'Assemblea dell'OSCE a Vienna ha suscitato proteste internazionali. L'Ucraina e la Lituania vogliono boicottare il prossimo incontro dell'organizzazione per la sicurezza (23 e 24 febbraio).

Così Vaidotas Verba, ambasciatore lituano presso l'OSCE a Vienna. "Nessun rappresentante di stati-membri vuole sedersi nella stessa stanza o nello stesso edificio dove ci sono rappresentanti russi che hanno istigato, sostenuto e continuano a promuovere la guerra in Ucraina. Più di 80 membri del parlamento di 20 paesi hanno scritto una lettera ai leader del parlamento e del governo austriaco chiedendo espressamente di non rilasciare visti e di riconsiderare questa decisione".

Mentre la Polonia e la Gran Bretagna avevano recentemente rifiutato ai parlamentari russi di recarsi ai loro eventi OSCE, Vienna sta adottando un approccio diverso. Alla sede ufficiale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, l'Austria è obbligata ai sensi del diritto internazionale a rilasciare visti a tutte le delegazioni, ha affermato il governo. Inoltre, Vienna vuole mantenere il dialogo.

Afferma Gabriele Juen, la portavoce del ministero degli Esteri austriaco, ha dichiarato: "L'OSCE è una piattaforma centrale per la diplomazia e per il dialogo continuo tra tutti gli Stati partecipanti. Russia e Ucraina continuano a essere Stati partecipanti. È , penso sia giusto e importante che questa piattaforma di dialogo continui a essere sostenuta".

Così il nostro inviato Johannes Pleschberger: "Esattamente nell'anniversario dell'inizio della guerra in Ucraina, i parlamentari russi e occidentali si incontreranno ora qui presso la sede dell'OSCE a Vienna. Originariamente, il la più grande organizzazione di sicurezza regionale del mondo è stata fondata per impedire che una simile guerra si verificasse in primo luogo. Johannes Pleschberger, Euronews, Vienna."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sei mesi di guerra a Gaza: oltre 33mila morti, in Israele maxi protesta contro Netanyahu

La guerra in Ucraina preoccupa l'Europa: in caso di conflitto leva obbligatoria nei Paesi Bassi

Elezioni in Russia: primo giorno delle presidenziali nel Paese senza scelta, Putin vota online