I limiti del sodalizio Russia - Bielorussia

Access to the comments Commenti
Di euronews
Pattuglia russa in azione in Ucraina
Pattuglia russa in azione in Ucraina   -  Diritti d'autore  AP/Russian Defense Ministry Press Service

Venerdì 24 febbraio 2022  le truppe russe hanno lanciato parte della loro invasione su vasta scala dalla Bielorussia. Si sono mossi a sud verso la capitale ucraina Kiev, ma sono stati respinti e, dopo aver accusato forti  perdite, sono stati costretti a ritirarsi a fine marzo. Stando a fonti ufficiali ucraine sono circa 11.000 soldati russi sul territorio della Bielorussia, ma il loro numero varia.

Le truppe russe possono lanciare una nuova offensiva entro l'anniversario dell'invasione dell'Ucraina e cercare di prendere la capitale?

Andrei Demchenko, portavoce del GPSU (Guardie di confine ucraine), ha detto che la situazione è sotto controllo. Allo stesso tempo, Demchenko ha specificato che una vera forza d'attacco russa  adeguata non c'è al confine con la Bielorussia, quindi sono poche le possibilità che si ripetano gli eventi del 24 febbraio scorso.  Il servizio di guardia di frontiera statale è pronto per eventuali sorprese e come ha notato Demchenko, gli esperti continuano a mettere in atto misure per rafforzare il confine valutando costantemente la possibilità di un attacco russo.

"Nessun rischio elevato" che la Bielorussia invii truppe

In un discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nei giorni scorsi  il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy, ha affermato che, in questo momento, non vi è alcun rischio elevato che la Bielorussia scenda in guerra contro l'Ucraina. Allo stesso tempo, ha detto, che il Cremlino cercherà di coinvolgere la Bielorussia. “Ma voglio dire che questo sarebbe un grosso errore da parte della Bielorussia", ha detto Zelenskyy. "Un grosso errore storico. Perché una cosa è quando aerei o missili volano dal loro territorio, da alcuni aeroporti controllati dalla Russia, e un'altra è se passi deliberatamente all'offensiva e ti unisci ai terroristi russi. Perché in quel momento diventi come loro. E così facendo, rendi la Bielorussia parte del regime terroristico di Putin e di questa guerra di conquista". Secondo Zelensky, le forze dell'esercito bielorusso non sono sufficienti per entrare in guerra".

Il sostegno bielorusso è davvero necessario alla Russia?

Pavel Slunkin, Visiting Fellow allo European Council on Foreign Relations non la pensa così: “Al contrario, assistiamo a processi opposti: la Russia condona i debiti, assegna nuovi prestiti ad Alexander Lukashenko, mantiene prezzi preferenziali e, probabilmente, i più bassi per gas naturale e petrolio per Lukashenko nel mondo. D'altra parte, vediamo che Alexander Lukashenko consente a Vladimir Putin di utilizzare il territorio bielorusso per condurre una campagna militare contro l'Ucraina. Il territorio della Bielorussia è utilizzato per bombardamenti, attacchi alle città ucraine, impianti energetici e infrastrutturali". "Il personale militare russo ha sede in Bielorussia. I coscritti russi vengono addestrati nei campi di addestramento bielorussi. Dall'inizio della guerra, la Bielorussia ha inviato le proprie armi alla Russia. Tutto ciò indica che l'attuale ruolo che Putin e Lukashenko hanno assegnato alla Bielorussia è molto più vantaggioso che utilizzare 10-15.000 soldati professionisti bielorussi, che comunque non cambierebbero lo status quo in questo conflitto.D'altra parte, l'Ucraina bombarderebbe il territorio della Bielorussia, tutte queste strutture infrastrutturali utilizzate dalla Russia per invadere. "

Lukashenko ha affermato che la Bielorussia avvierà le ostilità contro l'Ucraina solo in caso di aggressione da parte di quest'ultima: “Non vogliamo la guerra. E non invieremo assolutamente le nostre truppe nel territorio dell'Ucraina. A meno che non si commetta un'aggressione contro il territorio della Bielorussia da lì", ha detto. "In caso di aggressione, la risposta sarà rapida, dura e adeguata", ha avvertito Lukashenko. 

Ma cosa intendeva esattamente per "aggressione?"

"Voleva dire che se gli attacchi fossero stati lanciati dal territorio dell'Ucraina sul territorio della Bielorussia, o se l'Ucraina avesse compiuto alcune azioni belligeranti, commesso un'aggressione militare contro la Bielorussia dal suo territorio, allora in questo caso l'esercito bielorusso si sarebbe inevitabilmente sceso in guerra ", ha detto Slunkin, aggiungendo che questo sarebbe il tentativo di Lukashenko di prevenire scenari negativi per se stesso. Non vuole essere coinvolto nella guerra. La partecipazione dell'esercito bielorusso a questa guerra non è utile per lui, piuttosto sarebbe un grave problema politico e sociale interno. Abbiamo un consenso così monolitico nella società bielorussa sul fatto che l'esercito bielorusso e la Bielorussia, come stato, non dovrebbero partecipare a questa guerra".