Terremoto, altre fake news. L'ultima riguarda una notizia diffusa dalla Cina

The Cube
The Cube Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ci sono ancora parecchie fake news su questo evento straziante e catastrofico sui social media. Ecco l'ultimo esempio. Lo ha pubblicato questa settimana, l'ambasciata cinese in Francia su Twitter. Dovrebbe essere un video di un ponte in Turchia che il governo cinese afferma di aver costruito

PUBBLICITÀ

Più di 10 giorni fa, un potente terremoto di magnitudo 7,8 ha colpito la Turchia e la Siria. Il bilancio ha già superato i 42.000 morti.

Ci sono ancora parecchie fake news su questo evento straziante e catastrofico sui social media. Ecco l'ultimo esempio. Lo ha pubblicato questa settimana, l'ambasciata cinese in Francia su Twitter. Dovrebbe essere un video di un ponte in Turchia che il governo cinese afferma di aver costruito.

L'ambasciata ha perfino dichiarato che la struttura ha resistito al potente terremoto grazie alla loro tecnologia. Hanno anche aggiunto l'hashtag #ChinaTech, un modo per sottolineare l'innovazione cinese nella regione. Successivamente, questo articolo è stato pubblicato affermando che il ponte di Canakkale è rimasto intatto dopo il terremoto.

Si parla anche della struttura costruita in collaborazione con la società cinese Sichuan-Lu Qiao. il ponte esiste, si trova nella parte occidentale della Turchia, al confine con Grecia e Bulgaria. E' il ponte sospeso più lungo del mondo. Ma è stata davvero la Cina a costruirlo?

Da un database internazionale che raccoglie informazioni su diverse strutture in tutto il mondo abbiamo scoperto che nessuna azienda cinese è stata coinvolta in modo rilevante nella sua costruzione.

Come potete vedere, il modello è stato disegnato da questa azienda turca e il design dettagliato è stato curato da questa azienda con sede in Danimarca.

Secondo il sito web del ponte, altre 4 società hanno investito nella costruzione. E come potete vede due sono società turche e le altre due sudcoreane.

Ma la seconda parte del tweet che non trova riscontro è il fatto che questo ponte si trova a più di 1.000 km dall'epicentro del terremoto che ha colpito vicino a questa città di Gaziantep.

Ecco una mappa di dove sono state avvertite le scosse di assestamento e come potete notare sono molto lontane dal luogo dove si trova il ponte, quindi il terremoto non può aver colpito la struttura.

Dopo aver ricevuto una massiccia ondata di critiche sia dagli utenti dei social media che dai media francesi, l'ambasciata cinese ha cancellato l'articolo web e il tweet.

Non è la prima volta che The Cube scopre false notizie sul terremoto. C'è stato un numero enorme di video falsi che sono circolati sui social media e che noi abbiamo scovato. Per saperne di più visitate il nostro sito web euronews.com.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crollo ponte Baltimora: recuperati i corpi di due dispersi, erano all'interno di un furgone

Crollo ponte Baltimora: presunti morti i sei dispersi, sono operai originari del Centro America

Cina, viaggi senza visto per cinque Stati dell'Unione europea