EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Cina apre un'indagine sulle importazioni di carne di maiale dall'Ue

Grandi quantità di carne suina vengono esportate ogni anno dall'Ue verso la Cina
Grandi quantità di carne suina vengono esportate ogni anno dall'Ue verso la Cina Diritti d'autore Ng Han Guan/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Ng Han Guan/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Andrea Barolini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con una misura che appare la risposta all'imposizione di dazi sulle auto elettriche cinesi, Pechino ha aperto un'indagine sulle importazioni di carne di maiale

PUBBLICITÀ

I maiali europei sono al centro di un braccio di ferro commerciale. La carne di suina rappresenta infatti un mercato estremamente importante per molti Stati dell'Unione Europea. L'apertura di un'indagine da parte delle autorità cinesi sulle importazioni provenienti dai Paesi membri ha suscitato preoccupazione tra gli allevatori, che traggono una parte significativa dei loro guadagni proprio dall'export verso la nazione asiatica.

Spagna, Danimarca e Paesi Bassi i maggiori esportatori verso la Cina

"Sul mercato cinese sono apprezzate anche parti che non rispondono alle nostre abitudini di consumo, come le orecchie, i piedi e, diciamo, la testa nel suo insieme", spiega Sébastien Homo, agricoltore francese. La sua nazione lo scorso anno ha esportato in Cina oltre 115mila tonnellate di carne di maiale.

Ma è la Spagna il principale fornitore europeo, seguita da Danimarca e Paesi Bassi. Più in generale, lo scorso anno la Cina ha importato complessivamente carne suina per un valore pari a sei miliardi di dollari: il neonato braccio di ferro commerciale potrebbe perciò arrecare un danno considerevole al settore agricolo europeo.

Una ritorsione dopo i dazi sulle auto elettriche cinesi?

La decisione di Pechino appare come una ritorsione dopo che, la scorsa settimana, l'Unione Europea ha imposto dazi doganali che possono arrivare al 38% sulle importazioni di auto elettriche cinesi, a partire dal prossimo mese.

In questo contesto di crescenti tensioni, il vice-cancelliere tedesco Robert Habeck si sta recando in visita proprio in Cina: "Si tratta di un Paese estremamente importante per la Germania, e per l'Europa, sotto ogni punto di vista - ha dichiarato -. Queste relazioni sono certamente diventate molto più complesse rispetto al passato. Vale la pena di menzionare le controversie in materia di politica economica, soprattutto per quanto riguarda la questione delle auto elettriche. Tutto ciò avrà sicuramente un grande peso sulla visita".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli agricoltori protestano: bloccata la frontiera tra Spagna e Francia

Austria: agricoltori in protesta chiedono salari più alti

Paesi Bassi, per la prima volta in Europa gli agricoltori fanno parte di un governo