Leopard2, il dibattito che Olaf Scholz avrebbe voluto evitare

frame
frame Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Di Alexandra Leistener
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Leopard2, il dibattito che Olaf Scholz avrebbe voluto evitare

PUBBLICITÀ

La discussione sui jet da combattimento potrebbe essere una nuova figuraccia pubblica per il cancelliere Olaf Scholz.

Dal punto di vista di un osservatore tedesco , il dibattito in Germania sulla fornitura di carri armati all'Ucraina è stato a dirla tutta piuttosto noioso. E molti erano sicuri che alla fine la Germania avrebbe deciso per inviarli.

Il cancelliere tedesco ha voluto sottolineare il fatto che non ci sono state esitazioni nella posizione della Germania sulle consegne di carri armati, la cosa è stata semplicemente esaminata.

Scholz ha ripetuto a più riprese che non voleva essere il solo a consegnare i carri: 14 carri armati che a Kiev saranno forniti da un'alleanza internazionale.

Sempre secondo Scholz qualsiasi altro approccio sarebbe stato irresponsabile, la Germania infatti è il Paese maggior contributore all'interno dell'Unione in termini umanitari, finanziari e di consegna d'armi. Il messaggio che è sttao indirizzato a Putin è netto: il sostegno all'Ucraina da parte dell'Occidente non viene meno.

Oggi  carri armati, domani caccia?

Poche ore dopo l'impegno per inviare i carri armati è giunta la domanda ucraina di caccia. E un po' come nel film "Il giorno della marmotta", ha commentato Scholz.

In visita in Cile, Scholz ha chiesto un "dibattito serio", mettendo in guardia contro una "corsa all'eccesso". Gli Stati Uniti al momento respingono " la richiesta di Kiev di aerei da combattimento. In Francia, il presidente Emmanuel Macron può ipotizzare una richiesta simile e comunque non la "esclude in linea di principio".

I rumors secondo cui la Polonia sta discutendo di aerei da combattimento F-16 con l'Ucraina sono state subito smentite da Wojciech Skurkiewicz, il segretario di Stato del ministero della Difesa polacco.

Tutto questo è solo una questione di comunicazione O forse il problema è che anche la coalizione tedesca - e anche l'SPD - sta mandando segnali diversi?

C'è stato un chiaro no ai caccia di Berlino?

Mentre Scholz ritiene che la questione degli aerei da combattimento non si ponga al momento, la co-leader dell'Spd Saskia Esken non ha voluto escludere la consegna in anticipo. Il fattore decisivo, ha affermato, è che la Germania e la Nato non diventino parti in guerra.

Anche il politico della Fdp Marcus Faber non vuole più una "linea rossa" sulle consegne di armi all'Ucraina. Poiché la guerra di aggressione della Russia in Ucraina sta cambiando, ha affermato, dobbiamo anche essere in grado di reagire, se necessario con consegne di aerei da combattimento.

La politica della difesa dei Verdi Agnieszka Brugger ha espresso un'opinione simile, affermando che le linee rosse non hanno senso perché "non sappiamo dove saremo tra pochi mesi".

Il membro del parlamento della Cdu Roderich Kiesewetter ha criticato Scholz per aver ripetuto "il suo errore dell'estate", ha detto l'ex colonnello della Bundeswehr. Il leader della Cdu Friedrich Merz aveva precedentemente criticato il fatto che la decisione di fornire carri armati fosse arrivata dopo lunghe esitazioni e avesse portato aun certo "malcontento in Europa".

Non sorprende che Scholz abbia ricevuto il sostegno del suo nuovo ministro della Difesa, Boris Pistorius, Scholz vorrebbe chiudere qui il dibattito pubblico. Che probabilmente andrà avanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kiev: visita a sorpresa del ministro della difesa tedesco

Germania: manifestazioni pro Ucraina a due anni dall'invasione russa

Ucraina, il libro per bambini scritto da una rifugiata: Kateryna di 10 anni