This content is not available in your region

Altri orrori delle truppe occupanti russe

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Image
Image   -   Diritti d'autore  YASUYOSHI CHIBA/AFP or licensors   -  

Tre settimane dopo una svolta nel nord-est del Paese che ha permesso di riconquistare migliaia di chilometri quadrati, le forze ucraine stanno mantenendo la pressione sull'esercito russo nel Donbass. Tuttavia, le forze di Mosca e il gruppo paramilitare Wagner stanno ancora cercando di sfondare verso la città industriale di Kramatorsk.

Nella regione nord-orientale di Kharkiv, che è stata in gran parte sottratta ai russi nell'offensiva delle ultime settimane, gli ucraini ora controllano gran parte della città di Kupiansk, un nodo ferroviario cruciale precedentemente utilizzato dalla Russia per rifornire le sue forze schierate più a sud. Ma una stretta striscia sulla sponda orientale del fiume Oskil rimane nelle mani delle forze russe, impedendo agli ucraini di avanzare verso la regione di Luhansk.

Più a sud, gli ucraini stanno ora manovrando verso Lyman, 50 chilometri a sud-est di Izum, nella regione settentrionale di Donetsk.

Nel suo discorso televisivo notturno, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha denunciato ancora una volta la mobilitazione russa come nient'altro che "un tentativo di fornire ai comandanti sul terreno un flusso costante di carne da cannone".

Code per fuggire dalla coscrizione russa

Così Volodimir Zelensky:  "Nonostante l'evidente insensatezza della guerra per la Russia e la mancanza di iniziativa degli occupanti, il comando dell'esercito russo li spinge ancora alla morte. I continui tentativi dell'offensiva russa nella regione di Donetsk passeranno sicuramente alla storia delle guerre come uno degli massacri più cinici dei propri soldati".

Un esempio di propaganda russa. Immagini di protesta contro il cambio climatico a Vienna spacciate per immagini della guerra. La voce non è quella del giornalista nel video e nei sacchi ci sono attivisti "vivi", per questo si muovono

Le forze ucraine stanno indagando su un presunto luogo di sepoltura di massa che si teme possa contenere decine di corpi in un'ex posizione russa abbandonata vicino al confine, hanno affermato lunedì le truppe e i funzionari locali. Il sito è un allevamento di polli industriale fuori Kozacha Lopan, a circa due chilometri dal confine internazionale, un tempo utilizzato dalle truppe russe per riparare i loro carri armati.

Funzionari e soldati hanno parlato di un massimo di 100 corpi.

I cittadini di Kozacha Lopan salutano i russi

All'inizio di questo mese, le forze ucraine hanno riconquistato l'area e hanno respinto le forze russe oltre il confine con un'offensiva fulminea per liberare la regione nord-orientale di Kharkiv dall'occupazione.

Il presidente ucraino Volodymir Zelenski ha denunciato lunedì che nella città di Izium, nella provincia orientale di Kharkiv, sono state trovate due nuove fosse comuni "con centinaia di cadaveri". Dopo mesi di occupazione, le truppe russe sono state cacciate dalla città un paio di settimane fa. Dopo la liberazione è stata trovata una grande tomba in una vicina foresta dalla quale sono già stati riesumati più di 400 corpi.